ProvinciaVicenzareport

Isola, serata su agricoltura sostenibile e fattorie sociali

Commercio equo, agricoltura sostenibile, fattorie sociali. Probabilmente l’economia del futuro dovrà tenere in grande considerazione queste realtà per essere al passo con i tempi e non rischiare il collasso. Di fattorie sociali si parlerà mercoledì 3 settembre alle 20.45 nella sala polivalente del Comune di Isola Vicentina, dove la Cooperativa Unicomondo di Vicenza ha organizzato una serata per conoscere i progetti delle fattorie del nostro territorio, i loro prodotti, la loro storia. Una serata di testimonianza ed approfondimento per riflettere su agricoltura sociale, inclusione, biodiversità e per scoprire e valorizzare il valore dell’economia reale.

In questa prima metà del mese, Unicomondo sostiene l’economia solidale e le fattorie sociali: fino al 14 settembre infatti sarà possibile prenotare in tutte le botteghe del territorio la farina di mais marano in confezione da 1 kg, con ritiro per la fine del mese. Il mais è prodotto, macinato a pietra e confezionato da Fattoria Sociale La Pacha Mama (la madre terra), socio del Consorzio Tutela del Mais Marano. Il mais è prodotto con tecniche di agricoltura biologica ed è certificato. L’acquisto del prodotto confezionato dalla Fattoria Sociale sostiene progetti di inclusione sociale. E ci sono grandi vantaggi anche per la salute: il germe è la parte viva del grano, un concentrato di sostanze nutritive come aminoacidi, acidi grassi, sali minerali, vitamine. Nei processi di raffinazione dell’industria comune l’embrione viene eliminato insieme agli involucri esterni, privando la farina di buona parte del suo prezioso carico di fibre, vitamine e sali minerali. Quest’operazione si rende necessaria per aumentare i tempi di conservazione. Nei cereali integrali sono invece presenti tutte e tre le parti del chicco, ma la scadenza ha tempi più rapidi.

La campagna, con i suoi tempi meno frenetici, gli spazi più dilatati e il contatto diretto con la natura e con gli animali, ha favorito l’integrazione di persone svantaggiate. L’esperienza generale insegna che il ritmo naturale della vita contadina, il lavoro fisico, il fare parte di un piccolo nucleo di tipo familiare, il contatto con piante e animali hanno un effetto terapeutico benefico. Da questi presupposti nasce l’esperienza della Cooperativa Sociale I Berici, che in collaborazione con l’Azienda Agricola La Pacha Mama, ha intrapreso un progetto di fattoria sociale. Dopo anni di lavoro spesi in progetti di cooperazione allo sviluppo in Sud America, una famiglia del Bassanese rientra in Italia con un progetto di produzione agricola biologica e fonda l’azienda agricola a Marsan di Marostica, in un’area a ridosso delle colline di San Benedetto, alle pendici delle prealpi venete. Nel 2006 inizia una collaborazione con la Cooperativa Sociale I Berici di Arcugnano. La Pacha Mama fa parte del Forum Agricoltura Sociale di Vicenza.

Il commercio equo in Italia è uno dei pochi settori che ha resistito alla crisi generale e ha saputo svilupparsi e crescere a partire da un’idea di solidarietà e di sviluppo sostenibile. In ogni regione viene gestito da realtà che prendono nomi diversi (in Trentino, ad esempio, si chiama Mandacarù). Nel Vicentino le Botteghe del Mondo aappartenenti alla rete del commercio equo e solidale di Unicomondo sono il luogo in cui acquistare i prodotti del commercio equo, alimentari, artigianato, abbigliamento, tessili, ma sono anche un luogo di scambio di informazioni e punto di incontro. In provincia di Vicenza le botteghe sono 11, gestite da un gruppo di 300 volontari. Sono presenti a Vicenza (due), Alte di Montecchio, Bassano (due), Dueville, Isola, Sandrigo, Schio, Thiene e Zanè.

E sabato 6 settembre Unicomondo sarà presente con un doppio appuntamento all’ottava edizione della fiera Gusti Berici, in programma a Lumignano di Longare dal 6 all’8 settembre (che quest’anno è dedicata a Terre vicine:coltiviamo la prossimità): alle ore 15 con una degustazione guidata alla scoperta delle eccellenze del caffè del commercio equo e solidale, il gusto inconfondibile della dignità e della giustizia per leggere fra le sfumature dell’aroma e del gusto, le storie di dignità e giustizia dei produttori del commercio equo e solidale. Alle ore 17 Pappamaondo – Scuola di Altra-Cucina, per bambini dai 5 anni in poi. Un laboratorio di cucina senza fornelli in cui i bambini si confrontano sui loro piatti preferiti e imparano alcune ricette dagli ingredienti insoliti: curcuma, coriandolo, semi di senape, riso rosso, fagioli allegri, quinoa per esplorare con tutti i sensi le ricette dal mondo ed imparare a riconoscere ed apprezzare le proprietà delle spezie.

Alessandro Scandale

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button