Economia

Aziende, il futuro è digitale. Un convegno del Cuoa

“Omnicanalità e Digital Strategy” questo il titolo del convegno che si è tenuto oggi presso la Fondazione Cuoa, a Villa Valmarana Morosini organizzato dallo stesso Cuoa in partnership con Ibm Italia. Comunicazioni, dunque, al centro di questo convegno, incentrato sui temi dell’omnicanalità, dell’e-commerce e dell’internazionalizzazione nel processo di elaborazione di nuove strategie di business delle aziende italiane, Vi hanno partecipato importanti aziende italiane dei settori moda, cosmesi e benessere e retail.

“L’utilizzo sempre maggiore del mobile e di strumenti social, – è stato detto nell’incontro – uniti alla diffusione del Web 2.0, ha fatto sì che l’omnicanalità delle imprese italiane debba essere maggiormente sviluppata e utilizzata in tutte le fasi del rapporto con i propri clienti. I modelli tradizionali devono essere ripensati”. Attraverso le testimonianze di alcune imprese, che hanno implementato e stanno implementando le loro strategie in termini di utilizzo dei nuovi canali di vendita, il convegno ha  voluto contribuire alla diffusione di best practice, favorendo la condivisione di esperienze significative su queste tematiche.

Dopo i saluti istituzionali del direttore generale Cuoa, Giuseppe Caldiera, c’è stata l’introduzione del referente scientifico del Forum Ict, Cecilia Rossignoli, che ha posto l’attenzione sull’importanza, per le aziende, di un passaggio da esperienze di multicanalità a omnicanalità e, successivamente, all’intervento di Felice Petrignano, di Ibm Italia, dal titolo “Digital strategy e omnicanalità”.

Il programma è poi proseguito con gli interventi dell’amministratore delegato di Seven Invicta, Aldo Di Stasio e del vice presidente di VF Corporation, Karl Heinz Salzburger, i quali hanno affrontato gli argomenti della gestione del cliente omnicanale e dell’e-commerce nel settore della moda. Il direttore commerciale di Unifarco, Luigi Corvi, ha invece presentato l’investimento del Gruppo in una nuova piattaforma tecnologica integrata con il Crm, per formare e informare al meglio la clientela di farmacisti, l’uso di web magazine accattivanti e il nuovo approccio ai canali social.

L’influenza delle nuove tecnologie informatiche, del web 2.0 e dei social nei modelli di business del settore retail è stata infine affrontata dagli interventi di Gianluigi Zarantonello, del Gruppo Coin, e Filippo Berto, amministratore delegato e direttore commerciale di Berto Salotti. Il convegno è stato chiuso da Romano Cappellari, professore di Marketing e retailing dell’Università di Padova, oltre che referente scientifico del Forum Retail di Fondazione CUOA.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button