Senza categoria

Vicenza e provincia in breve

Caldogno tra i comuni virtuosi per la raccolta differenziata –

In settimana durante la festa dei “Comuni ricicloni” organizzata da Legambiente a Roma il Comune di Caldogno, da anni tra i primi municipi impegnati per l’ambiente e il riciclo, ha ricevuto una menzione speciale per aver sostenuto la manifestazione Officine Green organizzata in collaborazione con l’associazione Yourban nel parco della villa palladiana. A ricevere il premio per conto del Sindaco Marcello Vezzaro e di tutta l’amministrazione, l’assessore all’ecologia Ivano Meneguzzo. Dal 2010 al 2014 il comune di Caldogno ha aumentato la percentuale di raccolta differenziata dal 69,98% al 76,44%. Nel 2010 Caldogno si trovava alla 162esima posizione tra i comuni italiani del Nord sopra i 10mila abitanti. Quest’anno è salito alla 28 posizione tra i 580 comuni del Veneto con un indice di buona gestione dei rifiuti urbani pari a 66,68. In Veneto il comune sopra i 10mila abitanti col più alto indice è Carbonera (Treviso) con il 75,66 e percentuale di RD che si attesta al 85%. In provincia di Vicenza il comune più riciclone sopra i 10mila abitanti risulta essere Altavilla Vicentina con un indice fissato su 67,54 e una percentuale di RD sul 75,60%. “Caldogno – ha ricordato il sindaco Vezzaro – è al secondo posto in provincia di Vicenza tra i comuni della sua categoria. La sfida per l’anno prossimo è quella di migliorare e magari riuscire ad arrivare primi”.

Barbarano, incontro con Gian Antonio Stella

Interessante incontro martedì 15 luglio, a Vicenza. E’ con Gian Antonio Stella, ed è organizzato da Apindustria Vicenza in collaborazione con il Comune di Barbarano Vicentino. L’appuntamento è per le 21, a Villa Rigon, a Ponte di Barbarano. Stella presenterà il suo ultimo libro dal titolo “Bolli, sempre bolli, fortissimamente bolli”. Parafrasando la celebre frase di Vittorio Alfieri, il giornalista, che come tutti sanno è vicentino di origine, riprende nel suo libro il tema dei mali italiani, tra i quali certo c’è la burocrazia. Inviato ed editorialista del Corriere della Sera, Stella da molti anni scrive di politica, cronaca e costume, e denuncia, senza fare troppi sconti, tante cose che non vanno nel nostro paese. Il suo libro più noto è “La casta”, scritto a quattro mani con Sergio Rizzo.

Scuola, Costantino Toniolo chiede uno stop ai tagli

“Mancano insegnanti e pertanto i dirigenti degli istituti comprensivi del Veneto e in particolare del Vicentino tagliano le classi e le accorpano: una soluzione che va a discapito della didattica!” Lo afferma il consigliere regionale Costantino Toniolo che sta raccogliendo le lamentele di molti sindaci, dei Comitati dei genitori e di alcuni insegnanti e loro rappresentanti sindacali ed ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale del Veneto. “Il Provveditorato agli studi di Vicenza, ora Usp, ha annunciato ai dirigenti scolastici il taglio del numero degli insegnanti e delle classi attribuite alle singole scuole – spiega Toniolo -. E’ evidente che il taglio e l’accorpamento delle classi provoca in certi casi un affollamento rischioso, e rende di fatto difficile l’operato dei docenti. Ciò comporta un impatto sul percorso didattico degli studenti e minaccia il loro diritto allo studio. Per non parlare delle problematiche locali vissute dai ragazzi e legate alle peculiarità socio economiche di ogni singolo territorio e comunità: anch’esse hanno un’influenza sull’apprendimento scolastico degli alunni. Pertanto ho chiesto alla Giunta regionale che  si attivi con chi di competenza per risolvere il problema, imponendo una rivisitazione del contingente insegnanti assegnati alla nostra regione e nello specifico alla Provincia di Vicenza, e mettendo fine a questa che è una vera e propria ingiustizia sociale”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button