Thiene e dintorni

Thiene cambia la raccolta dei rifiuti. Basta con il porta a porta

Cambiano, a Thiene, le modalità di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Le lunghe file di bidoncini dell’umido e i mucchi di sacchi lungo le strade dovrebbero avere insomma i  giorni contati, dato che, tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015, l’amministrazione comunale intende rivoluzionare il sistema, in vigore a Thiene dal 2004. Quello che si dovrebbe adottare  sarà “un progetto innovativo, – spiega una nota del Comune di Thiene – che permetterà ai cittadini di tornare a gestire autonomamente i propri rifiuti domestici, con l’eliminazione di bidoncini e sacchi sui marciapiedi e il miglioramento della sicurezza stradale, per la minor presenza dei mezzi di raccolta in circolazione.

Inoltre, il Comune conta di risparmiare circa 85mila euro, di cui 65mila “destinati ad intensificare la pulizia quotidiana delle isole ecologiche, lo spazzamento meccanico delle strade, per portare dalle attuali 3000 a 4000 le caditoie pulite annualmente, e provvedere alla gestione straordinaria della pulizia al termine di otto manifestazioni annuali, in quanto fino ad oggi il riordino a fine manifestazione costituiva per le Casse Comunali un onere straordinario aggiuntivo”.

Una campana per il secco
Una campana per il secco

Con il nuovo sistema di raccolta proposto, i cittadini saranno sgravati dal vincolo del conferimento a giorni e orari prestabiliti e potranno invece conferire in base ai propri impegni e necessità l’umido e il secco negli appositi bidoni e nelle campane collocate nelle isole ecologiche. Le campane saranno interrate, con solo una loro estremità che emergerà dal suolo. L’eliminazione della raccolta porta a porta comporterà quindi la riorganizzazione delle isole ecologiche, che resteranno invariate quanto a numero, ma migliorate quanto a manutenzione, e potenziate perché accoglieranno anche la campana del secco.

Oltre a quelle collocate nelle isole, altre trenta campane per il secco saranno posizionate sul territorio comunale. Saranno anche collocate in città sei contenitori per la raccolta degli olii vegetali, uno strumento in più per intercettare un rifiuto che per i dati in nostro possesso non viene raccolto in quantità soddisfacente. Ogni contenitore servirà a soddisfare un micro bacino di circa 3500 abitanti e, per chi ne farà richiesta all’Ufficio Ecologia, sarà possibile avere in casa taniche da 5 litri con cui raccogliere e poi conferire gli olii alle isole.

“Tra gli obiettivi strategici del nuovo sistema – spiega ancora il Comune di Thiene – c’è l’aumento della qualità della differenziata, offrendo al cittadino ogni opzione di smaltimento del proprio rifiuto domestico, con indubbio vantaggio per l’ambiente. In base alle rilevazioni effettuate si è notato che quando l’utente ha a disposizione, nell’isola ecologica, contenitori per tutte le tipologie di rifiuto, compreso il secco residuo, non ha più nessuna necessità di inquinare le raccolte differenziate. La principale causa di inquinamento delle raccolte differenziate è dovuta infatti allo smaltimento improprio del rifiuto secco e del rifiuto umido, per il fatto che l’utente indisciplinato non attende e non rispetta il giorno di raccolta, bensì cerca di smaltire il proprio rifiuto secco o umido in modo autonomo senza rispettare il calendario prestabilito dal porta a porta”.

Andrea Zorzan
Andrea Zorzan

“Siamo i primi tra i grandi Comuni del territorio – ha commentato Andrea Zorzan, assessore all’Ambiente – a partire con il modello di eliminazione totale del porta a porta. Si tratta di una rivoluzione nel sistema di gestione del rifiuto urbano. Il progetto che presentiamo è frutto di mesi di lavoro e, a nostro avviso, porterà vantaggi importanti per tutti. E’, ovviamente, molto importante la collaborazione dei cittadini, che con il loro comportamento decidono in ultima analisi l’aspetto che avrà la città. Per questo abbiamo già previsto una campagna informativa per spiegare il nuovo sistema e  intensificare il grado di conoscenza del corretto modo di differenziare i rifiuti”.

Sul fronte dei costi il nuovo progetto di raccolta e servizi di pulizia comporta complessivamente una spesa di circa 1.300.000 euro contro i 1.320.000 dell’attuale appalto, per un risparmio di 20mila euro . Le utenze domestiche della città di Thiene sono 9.748, quelle non domestiche 1.521, per un totale di 9.885.369 Kg di rifiuti urbani totali all’anno prodotti, una quota pro capite di 415 Kg per abitante all’anno ed una buona percentuale del 65,42% di raccolta differenziata su ogni chilo di rifiuto prodotto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button