Senza categoria

Salute, importante accordo tra Ulss e Scuola per gli studenti

Lo affermavano anche i medici dell’antichità: è meglio prevenire che curare. Sarà anche per questo che un importante protocollo d’intesa tra le quattro Ulss vicentine e l’Ufficio Scolastico di Vicenza è stato firmato in questi giorni con l’obiettivo di educare i giovani ai sani stili di vita e alla prevenzone delle malattie e delle dipendenze.

Le quattro aziende sanitarie della provincia (la 6 d Vicenza, la 3 di Bassano del Grappa, la 4 Alto Vicentino e la 5 Ovest Vicentino) hanno sottoscritto l’accordo con le autorità scolastiche nella sede dell’Ufficio Scolastico Territoriale XIII di Vicenza, mettendo a disposizione competenze, personale e strutture con lo scopo di migliorare sempre più l’integrazione tra la scuola e la sanità, nell’ottica del bene comune e della salute pubblica.

“Il protocollo – spiegano i firmatari – è la naturale estensione di un progetto che era già stato realizzato tra l’Ulss 6 di Vicenza e l’Ufficio Scolastico Territoriale . Questo accordo si estende da oggi anche alle altre Ulss provinciali e coinvolge tutte le scuole e gli studenti del territorio vicentino. Un gruppo di lavoro di professionisti della sanità e della scuola hanno condiviso obiettivi e contenuti per realizzare un piano d’azione congiunto ed omogeneo per l’educazione e promozione della salute nelle giovani generazioni. Un punto, questo, ritenuto essenziale: promuovere sani stili di vita nei giovani è il modo migliore per avere una sociatà composta da adulti sani e da anziani che si mantengono in discreta salute, con un risparmio enorme in termini di spesa sanitaria pubblica”.

Con questo accordo le parti si impegnano a migliorare e incrementare quelle azioni specifiche di prevenzione e di tutela dalle malattie che negli ultimi anni hanno visto già il fiorire di diversi importanti progetti. Basti ricordare, ad esempio, l’iniziativa “– Alcol + Gusto” che ogni anno ad aprile coinvolge un gran numero di associazioni e realtà territoriali per sensibilizzare i giovani sui danni causati dall’assunzione di alcolici. O ancora il progetto “Guadagnare Salute – rendere facili le scelte salutari”, un progetto ministeriale (ed europeo) adottato localmente dalle aziende sanitarie, tramite il quale si realizzano azioni concrete per i quattro stili di vita ritenuti necessari per una buona salute: alimentazione sana e corretta; adeguata attività fisica; lotta al fumo e all’uso e all’abuso di alcol.

Scendendo nel dettaglio, gli interventi delle Ulss nelle scuole, rivolti a studenti, docenti, genitori e personale non docente, vogliono promuovere stili di vita sani e corretti nei giovani in diverse aree: la prevenzione delle malattie croniche (patologie cardiovascolari, tumori, diabete, obesità) tramite la sana alimentazione, l’adeguata attività fisica e la prevenzione del fumo; la prevenzione delle dipendenze da sostanze (alcool, droghe, farmaci) e delle nuove dipendenze (gioco d’azzardo, media, tecnologiche e digitali); l’educazione alla sessualità; la sicurezza e prevenzione degli incidenti stradali; la solidarietà per una scelta consapevole in tema di donazioni di organi e tessuti.

Per un maggior successo degli interventi di educazione e promozione della salute, le Ulss, oltre al rapporto privilegiato con la scuola, considerano importante anche quello con gli enti locali, le associazioni di volontariato e gli altri rappresentanti significativi della comunità locale.

Alessandro Scandale

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button