Veneto

Il Ministro Lupi ieri a Vicenza. Più vicina la Valdastico nord?

Assemblea regionale del Nuovo Centro Destra, ieri a Vicenza, al Viest Hotel, alla quale ha partecipato anche il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi. Tra gli argomenti discussi destava particolare interesse soprattutto quello relativo ai trasporti e alla viabilità autostradale e di grande comunicazione. Realizzazione della Valdastico Nord insomma, ma anche della Tangeziale Nord di Vicenza e dell’Alta Velocità ferroviaria.

Maurtizio Lupi con Marino Zorzato, vicepresidente della Regione Veneto
Maurtizio Lupi con Marino Zorzato, vicepresidente della Regione Veneto

“Maurizio Lupi – ha infatti ricordato a margine dell’incontro Costantino Toniolo , leader vicentino di Ncd – è un uomo di primo piano del nostro partito, ed è un esponente politico che grazie al collegamento diretto con noi amministratori del territorio sta facendo molto per la nostra provincia, visto che ci appoggia su Tangenziale Nord, Tav e Valdastico Nord”. Il ministro da parte sua ha confermato, non mancando di sdrammatizzare e scherzare bonariamente sulla cosa.  “Non c’è giorno – ha detto – in cui non mi arrivi un sms di Costantino che mi ricorda qualcosa o mi chiede precisazioni sulle opere, non ne posso più”, aggiungendo poi che “è con uomini decisi e caparbi come lui che si fanno le cose. Ad esempio mi ha fatto capire l’importanza della tangenziale Nord di Vicenza e il collegamento alla base militare americana”.

“Essere arrivati anche ad una soluzione sul tracciato della Tav che attraversa il Vicentino – ha poi sottolineato Toniolo – porta vantaggi a tutta la nostra regione e naturalmente all’intero paese, visto che va a completare il Corridoio 5 Est-Ovest, che passa per la Pianura padana e collegherà Lisbona a Kiev, indicato dagli organismi della Unione Europea come infrastruttura multimodale necessaria per lo sviluppo”.

“Sulla Tangenziale Nord di Vicenza – continua Toniolo – le risorse ci sono, ed è solo una questione di tempi tecnici per passare dal progetto alla realizzazione. Diversa è la questione per la Valdastico Nord: come dice Maurizio Lupi le ragioni di Trento non possono bloccare le necessità del resto del Nord Est e della nazione, che sono sancite dalla Legge obiettivo”.

“La Valdastico – ha poi concluso Toniolo – è stata potenziata verso Sud e, dall’anno prossimo, Vicenza e Rovigo saranno collegate, con un accorciamento delle distanze tra il Vicentino, Ferrara, la Romagna e Bologna. Ma verso Nord l’autostrada rimarrebbe incompiuta e sottoutilizzata se non si completasse il tracciato fino a Trento, ovvero un collegamento diretto tra le zone produttive della Pedemontana veneta e della valle dell’Adige, e quindi direttamente con il Brennero, l’Austria e la Germania”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button