Economia

Cna Vicenza, un convegno su Horizon 2020. Finanzia le Pmi

Horizon 2020 protagonista, mercoledì 9 luglio, anche nella sede di Cna Vicenza.  Lo strumento finanziario della Commissione Europea pensaro e realizzato per favorire l’innovazione tecnologica verrà presentato in un convegno che è una tappa di un tour nelle principali sedi Cna d’Italia. Interverranno ospiti e relatori di grande spessore, tra i quali Giuseppe Oliviero, vice presidente nazionale Cna con delega all’Europa, e Claudio Cappellini, responsabile ufficio politiche comunitarie di Cna. Cinzia Fabris, presidente di Cna Vicenza, sottolinea come l’associazione sia “impegnata in prima linea nella diffusione e comunicazione di questi progetti, per dare strumenti reali e tangibili allo sviluppo delle Pmi in Europa”.

Cinzia Fabris
Cinzia Fabris

“In Cna Vicenza – continua Fabris – stiamo costruendo una nuova modalità di fare associazione perché riteniamo che le eccellenze, la creatività e la qualità di tante imprese artigiane debbano essere valorizzate e supportate utilizzando tutti i canali di crescita messi a disposizione dall’Europa. Dobbiamo consolidare e rinnovare quotidianamente il valore aggiunto che ci dà l’essere Made in Italy. Siamo orgogliosi di avere per primi, ospite in Cna a Vicenza, il vice presidente Nazionale Oliviero, che lavora nel nostro ufficio a Bruxelles e che ci porterà ad una visione più allargata e ad ampio raggio sulle opportunità per finanziare progetti in moltissimi settori e attività produttive”.

I finanziamenti di Horizon 2020 saranno finalizzati, infatti, all’implementazione di progetti nell’ambito di: salute, cambiamenti demografici e benessere, sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile ricerca marittima e bio-economia, energia sicura, pulita ed efficiente, trasporti intelligenti, ecologici e integrati, azioni per il clima, efficienza delle risorse e materie prime, società innovative e sicure.

“E’ importante nel contesto economico attuale – ha sottolineato Oliviero – recepire la trasversalità dei finanziamenti che l’Europa mette a disposizione delle Piccole e medie imprese. In Italia siamo avvantaggiati dal valore che porta con sé il marchio Made in Italy, che implica lo studio e l’innovazione di processi con norme e procedure complesse messe in atto per la promozione di questa nostra eccellenza. Con Horizon 2020 è data a tutti la grande opportunità di cogliere ed utilizzare questi finanziamenti, ricompattando un sistema produttivo frastagliato. Nel nostro paese il vero problema è, purtroppo, il paese stesso, con la sua burocrazia e la sempre più difficile possibilità di mettere in atto processi di filiera.”

“Il semestre italiano in Europa – ha continuato Oliviero – è un’altra grande occasione che dobbiamo cogliere per dare spazio a buone idee e Cna, che dal 2004 opera in Europa con risorse e uffici dedicati a Bruxelles, si sta adoperando perché questo vantaggio si concretizzi a favore delle piccole e medie Imprese. Horizon 2020 è proprio una di queste opportunità: un treno che non possiamo perdere”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button