Provincia

Brendola, si è spenta a 92 anni Vittoria Rossi

Si è spenta oggi, a 92 anni, nella sua Brendola, Vittoria Rossi. E’ stata una figura di spicco della cultura brendolana, donna all’avanguardia e fuori dagli schemi, amante della salvaguardia ambientale e del territorio, con un approccio alle sue passioni, alla storia e al territorio tipici di un precursore rispetto ai tempi. Donna dalla cultura poliedrica, era nata il 28 maggio del 1922, brendolana doc e amante dei viaggi, anche se, come ripeteva sempre al suo ritorno, “niente è meglio di Brendola”.

“Un’infanzia trascorsa all’ombra della nascente Incompiuta, – dice di lei un ricordo del Comune di Brendola -che vedrà crescere così come l’urbanizzazione del suo paese, e che tanto influenzerà il suo lavoro di fervente ambientalista e studiosa di archeologia, oltre che sostenitrice della tutela della natura, e di uno sviluppo per il futuro dei paesi in armonia con il loro passato”.

All’Istituto Fusinieri di Vicenza fu insegnante di storia e geografia. Erano gli anni ’60 e ’70, e in pieno boom edilizio, in netto anticipo rispetto agli anni a venire, parlava di ecosistema, di eccesso di cementificazione, e dei rischi connessi al mancato rispetto del suolo. “Più che le sue materie in senso stretto – ricorda il sindaco di Brendola, Renato Ceron, che fu tra i suoi allievi, – insegnava un vero e proprio metodo di vita, legato ai valori che erano gli stessi delle nostre tradizioni. Avendo io il papà contadino, con lei potevo parlare la stessa lingua. Discutevamo di stagionalità, di raccolto, di fiori e piante. Attraverso la professoressa Rossi quello che avevamo intorno era una continua lezione, oltre che una costante scoperta”.

Fu consigliera per l’associazione ambientalista Italia Nostra Vicenza, di cui divenne presidente a metà degli anni ’70, impegnandosi attivamente anche a livello regionale. Di Brendola conosceva bene la storia, i monumenti e i luoghi naturalistici. Collaborò a diversi studi e pubblicazioni, tra i quali il saggio “Uno sguardo su Brendola”, edito nel 1993. Gli ultimi anni li ha trascorsi nella splendida residenza di Villa Rossi a Vo’ di Brendola. “Vittoria Rossi – ricorda ancora Ceron – è stata una di quelle figure sempre più rare al giorno d’oggi. Quelle donne d’altri tempi che sanno darti la dritta giusta nei momenti difficili. Oggi sento mancare un pezzo delle nostre radici”.

Articoli correlati

Un Commento

  1. E’ stata la mia madrina di cresima al Vo’……sono figlia del Guerrino de grandis e selmo giovanna ….abitavo zona Secole. Anni ’40.
    Io e mia figlia siamo state da lei due anni fa alla Villa Rossi ho le foto che portiamo nel cuore.
    Ciao Brendola custodisci la cara Vittoria.
    Carmela de grandis e lucia morena fabbri .Ticino.Svizzera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button