ProvinciaVicenzareport

Bassano, anche in agosto Museo civico aperto la sera

Nuove opportunità culturali estive per tutto il mese di agosto, a Bassano del Grappa. Ad offrirle è ancora il Museo civico, in orario serale, dopo il buon successo delle iniziative di luglio, quali “Bassano sotto le stelle”, con il suo ricco calendario, e “Bassano legge” con i suoi incontri letterari, anche nel chiostro del Museo civico. I risultati ottenuti a luglio sono infatti stati notevoli, con oltre settecento persone che hanno usato l’orario serale per visitare le collezioni del museo e le mostre temporanee.

Per quanto riguarda agosto invece, si inizia venerdì 1, quando dalle 20 alle 23, assieme all’ingresso gratuito sarà proposta la una visita guidata ad un costo contenuto, di  4 euro,  che questa volta seguirà un percorso fra le collezioni permanenti: da Guariento a Canova, capolavori in pinacoteca. L’avvio dell’itinerario è previsto in 2 turni, alle 21 e alle 22, ma se ne raccomanda la prenotazione al numero telefonico 0424 519901 o alla email info@museibassano.it.

Rimarra inoltre In pinacoteca, ancora per poche settimane, l’esposizione “Michelangelo. Capolavori grafici”, con 18 eccezionali disegni sfuggiti alla distruzione, destino che Michelangelo stesso assegnava alle sue opere che non considerava assolute e definitive. Fra queste c’è la “Cleopatra”, immaginata in uno straordinario foglio che al dritto presenta la regina d’Egitto in tutto il suo fascino, mentre sul verso ogni nobile compostezza lascia spazio ad una sconfinata angoscia.

Nei nuovi spazi recentemente aperti al pubblico, in significativa concomitanza con la riapertura del Museo civico bassanese, la mostra “Paesaggio urbano nella mappa dei Bassano”, che offre una rara occasione per ammirare una delle più belle mappe del Cinquecento italiano: la mappa di Bassano uscita dalla bottega dei Dal Ponte (1583 – 1610). Il pregevole documento induce all’analisi dell’immagine urbana di Bassano, dal Cinquecento fino all’Ottocento, grazie ad una serie di documenti usciti dall’archivio. In mostra sono raccontati i risultati delle indagini scientifiche, eseguite recentemente dalla Soprintendenza per i Beni Artistici di Verona, per una lettura, mai condotta prima, a luce infrarossa ed ultravioletta.

Per chi volesse tenere in modo permanente con sé immagini, spunti e contenuti di quanto ammirato, entrambe le mostre sono corredate di catalogo. L’opportunità degli ingressi gratuiti in orario serale sarà riproposta anche per l’ultimo venerdì del mese, 29 agosto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button