Provinciavicenzareport

Amianto, Brendola rinnova la convenzione con la Provincia

Il Comune di Brendola ha rinnovato la convenzione con la Provincia di Vicenza per il corretto smaltimento dell’amianto pericoloso materiale che, come è noto, è stato utilizzato in edilizia fino a non molti anni fa, e che quindi è ancora piuttosto diffuso e presente sul territorio. E c’è da considerare poi che è tutt’altro che infrequente lo smaltimento abusivo, pericoloso per la salute delle persone e per l’ambiente. E in questa direzione va il prolungamento dell’accordo deciso dall’amministrazione comunale di Brendola, anche in virtù dei risultati registrati con la prima sottoscrizione per il triennio 2011 – 2014. Gli utenti che nel corso del triennio hanno aderito sono 36.

Restano in essere quindi i precedenti parametri fissati tra i due enti, prolungati per un ulteriore periodo di tre anni. Alla società Elite Ambiente s.r.l., aggiudicataria della gara per il servizio, viene confermato l’incarico di procedere alla rimozione dei materiali, mentre l’Ufficio Ecologia del Comune continuerà a occuparsi dell’interfaccia con la cittadinanza, raccogliendo le richieste d’intervento, fornendo istruzioni su costi e modalità, ed effettuando con i propri tecnici un primo sopralluogo all’indirizzo da bonificare.

Il servizio prevede lo smontaggio e lo smaltimento di:

  • lastre con superficie massima di 75 mq, posizionate al massimo a 3,0 m di altezza dal suolo
  • manufatti di vario tipo contenenti amianto di peso complessivo non superiore a 1.000 kg
  • altri materiali contenenti amianto in confezione originale, di peso complessivo non superiore a 10 kg
  • materiali contenenti amianto di uso domestico (sottopentole, phon, teli da stiro, ecc.) di peso complessivo non superiore a 5 kg

La convenzione potrà garantire alla cittadinanza un servizio con migliori condizioni economiche rispetto ai prezzi medi sul mercato. Il costo del servizio per il cittadino varia a seconda del peso delle lastre di amianto oggetto dell’intervento, e comprende il diritto di chiamata e lo smaltimento

Per garantire un ulteriore risparmio, l’Amministrazione Comunale ed Elite Ambiente hanno stretto un accordo integrativo:  l’utente potrà acquistare al costo di 50 euro il kit per l’auto-rimozione e il confezionamento del materiale, per operare in proprio in tutta sicurezza, e quindi pagare solo lo smaltimento, che resta obbligatorio, da parte dell’azienda incaricata. In questo modo il risparmio, in base alla tipologia e alla quantità del materiale, può oscillare tra i 150 e i 500 euro. Il kit si può ordinare e ritirare direttamente nella sede municipale.

“È un accordo – sottolinea l’assessore all’Ambiente Barbara Tamiozzo – che ha già dimostrato la sua efficacia, oltre alla sua importanza. L’amianto resta un nemico silenzioso, i cui effetti si vedono a lungo termine. La convenzione è il migliore punto d’incontro tra la sensibilità crescente da parte dei cittadini, e il bisogno di ricorrere a un servizio indispensabile e a condizioni economiche alla portata”. Tutte le informazioni sono disponibili nell’opuscolo visionabile e scaricabile alla voce “Amianto”, all’interno dei servizi comunali della sezione “Ecologia-Ambiente” su www.comune.brendola.vi.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button