Breaking News
L'impianto polifunzionale di Ospedaletto inaugurato oggi
L'impianto polifunzionale di Ospedaletto inaugurato oggi

Vicenza, inaugurato il terzo impianto sportivo polivalente

Dopo l’inaugurazione, l’anno scorso, delle prime due nuove tensostrutture della città a Maddalene e a San Francesco, il sindaco Achille Variati e l’assessore alla formazione Umberto Nicolai hanno inaugurato oggi ad Ospedaletto il terzo impianto polifunzionale finanziato con le risorse ricavate dalla vendita delle quote della Società Autostrade Brescia-Padova. La terza tensostruttura sorge su un’ampia area comunale, accessibile grazie a un accordo con il privato proprietario della porzione di terreno di circa 15 metri di lunghezza che si deve attraversare per raggiungere l’impianto. L’opera è costata 390 mila euro, a cui sono stati aggiunti 325 mila euro, coperti con i ricavi della vendita del complesso di S. Rocco, per la realizzazione dell’attigua struttura che ospita una sala riunioni da 56 metri quadrati capace di ospitare fino a 60 persone, completa di servizi igienici, un’infermeria, due spogliatoi per gli arbitri e due per gli atleti, due bagni per il pubblico, un ripostiglio e un locale caldaia.

“Non c’è nulla – ha detto il sindaco – che aggreghi di più di fare sport e stare insieme. Ospedaletto aveva davvero bisogno di una struttura come questa. L’abbiamo deciso insieme in assemblea pubblica e ora l’opera è stata completata. Appena avremo le risorse necessarie, realizzeremo il ponticello di collegamento con il percorso che consentirà anche ai cittadini di Bolzano Vicentino di utilizzarla, come un’unica comunità”.

“Il nuovo impianto – ha precisato l’assessore Nicolai – offre ora al quartiere un piccolo palazzetto dello sport rispondente alle norme Coni, e quindi capace di ospitare gare agonistiche, ma anche uno spazio per le attività sportive amatoriali e per incontri di carattere ludico-ricreativo e riunioni. A settembre completeremo i lavori con la posa delle tubazioni e l’asfaltatura della via d’accesso”.

La tensostruttura, che come le altre due è stata progettata e curata dal settore lavori pubblici e grandi opere del Comune, misura 23 metri in larghezza, 41 in lunghezza e 10,50 in altezza; è sostenuta da sette archi in legno lamellare con telo esterno e ha il pavimento in pvc. È stata inoltre costruita con materiali e modalità volti al contenimento del consumo energetico e in modo da ridurre le manutenzioni, grazie a serramenti esterni ed interni in pvc. La novità della tensostruttura è comunque la copertura, a due strati distanziati circa 50 centimetri tra soffitto e controsoffitto, per creare un’intercapedine che genera benefici in termini di risparmio energetico, in quanto favorisce il fresco d’estate e il caldo d’inverno. All’esterno dell’impianto lungo il perimetro dell’edificio sono stati realizzati un marciapiede e un percorso pedonale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *