lunedì , 14 Giugno 2021

Vicenza, una giornata di festa per l’uguaglianza

Un pomeriggio dedicato ai giochi di squadra per promuovere l’integrazione organizzato dagli studenti universitari iscritti alla facoltà di psicologia dell’Università di Padova. Quest’oggi, domenica 15 giugno dalle 15.30 a Campo Marzo (tempo – o maltempo – permettendo) si potrà partecipare a Gli altri …. siamo noi. Festa dell’uguaglianza, un’iniziativa che nasce per sensibilizzare sul tema della diversità.

A questo scopo è stata scelta proprio la grande area verde cittadina con l’obiettivo di fare in modo che la popolazione inizi a frequentare abitualmente questo luogo e che se ne riappropri definitivamente vivendolo senza pregiudizi. Chi desidera partecipare ai giochi è invitato ad indossare una maglietta bianca: durante il pomeriggio, infatti, verrà girato un video e verranno scattate numerose foto che sottolineeranno la concomitanza tra diversità e differenze.

Il programma prevede l’accoglienza dei partecipanti alle 15.30 davanti al Bar Moresco cui seguirà la presentazione del progetto. Le attività inizieranno alle 16: ci si potrà cimentare in vari giochi tra cui bandiera, tiro alla fune, staffetta con acqua e tante altre. Alle 17 nell’Oasi del lettore verrà presentato il libro Ricky Diversamente AmAbile del vicentino Giancarlo Dalla Libera. Alle 17.30 tutti i partecipanti realizzeranno uno striscione. La giornata si chiuderà alle 17.45 con balli di gruppo.

Copertina RickyIl libro di Dalla Libera è la storia vera di Ricky, ragazzo vicentino affetto dalla sindrome di Down che nella sua breve vita ha lasciato un ricordo indelebile nella mente e nel cuore di chi lo ha conosciuto. Chi ha questa sindrome, scrive l’autore, è una persona che non possiede nulla in meno dei cosiddetti normali. Anzi, ha qualcosa in più, se non altro la presenza di un cromosoma in più nel Dna. Non dimentichiamolo mai: siamo noi ad avere qualcosa in meno. Quando sei bambino rispondi soltanto alla tua spontaneità. Sei te stesso. Integralmente spontaneo e genuino. Poi, crescendo, il nostro modello di società ti insegna che i vincenti sono i più forti, i più ricchi e i più potenti.

Allora impari a nascondere il lato più sensibile e tenero della tua anima, sino a confinarlo in un angolo remoto. Dimentichi la tua capacità di commuoverti, ti vergogni se ti sfugge una lacrima guardando un film, non sai più pronunciare le parole ti voglio bene, ti controlli quando avresti voglia di abbracciare tuo padre. Questa è la parte migliore di noi e l’abbiamo cancellata. Ricky, affetto dalla sindrome di Down, è rimasto quel bambino che è ancora in tutti noi, ma che non riusciamo più ad incontrare.

La storia di Ricky è la storia della costruzione di uno dei più solidi rapporti umani che si desideri realizzare in una vita. Grazie alla scoperta di un amore totale, assoluto, viscerale, senza se e senza ma, senza nulla in cambio, se non il vivere questa imperdibile esperienza con la semplicità e la gratuità del nostro bambino interiore. Così da rammentarci, attraverso la lettura appassionante di queste pagine, che ognuno di noi, esattamente come Ricky, è persona diversamente amabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità