venerdì , 16 Aprile 2021
Da sinistra: Riccardo Poletto, Rosanna Filippin, Debora Serracchiani
Da sinistra: Riccardo Poletto, Rosanna Filippin, Debora Serracchiani

Tribunale di Bassano, incontro a Roma con Debora Serracchiani

Approda nelle stanze romane del Partito Democratico la spinosa questione della soppressione del Tribunale di Bassano del Grappa. Questa mattina infatti il sindaco bassanese Riccardo Poletto ha incontrato, nella città eterna, Debora Serrachiani, vice segretario nazionale del Pd, per mettere in evidenza, dati alla mano, “che le deduzioni – recita una nota del Comune di Bassano – della Commissione ministeriale incaricata di valutare le conseguenze della riforma della geografia giudiziaria sono, per quanto riguarda il tribunale cittadino, quanto meno fuorvianti”.

Accompagnato dal presidente dell’Ordine degli avvocati bassanesi, Francesco Savio, dagli avvocati Roberto Pozzobon e Gabriele Alessio e dai senatori Rosanna Filippin e Giorgio Santini, Poletto si è unito ai colleghi del coordinamento dei Sei da Salvare per “contrastare la posizione di chi sostanzialmente non ha rilevato alcuna criticità nell’accorpamento tra il tribunale di Bassano e quello di Vicenza”.

“L’avvocato Roberto Pozzobon – ha spiegato Poletto – ha controvertito il giudizio della Commissione, mettendo in luce i numerosi e spesso drammatici problemi emersi dalla chiusura del Tribunale di Bassano, un presidio efficiente e produttivo ora penalizzato da ogni punto di vista. Debora Serrachiani ci ha ascoltato con attenzione e si è impegnata a chiedere, al Ministro Andrea Orlando e ai responsabili delle Commissioni Giustizia del Senato e della Camera, ragione di quanto accaduto, e di volere una risposta in breve tempo”.

Nel frattempo prosegue l’azione di messa a punto alternativa, vale a dire l’ipotesi di istituzione di un nuovo Tribunale della Pedemontana. “Lunedì mattina – sottolinea Poletto – ci riuniremo nella sede del Municipio con il Comitato per il Tribunale e, in quella sede, metteremo a punto nuove strategie per riuscire a riportare nel Veneto un ottavo tribunale, quello della Pedemontana. Siamo tutti d’accordo che sia questa la prospettiva da perseguire e mi auguro che tutti saremo compatti nel sostenerla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità