Breaking News
Richard Strauss in un dipinto di Max Liebermann (1918)
Richard Strauss in un dipinto di Max Liebermann (1918)

La musica da camera di “Strauss & Mozart” al Teatro Olimpico di Vicenza

Il  nuovo appuntamento delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico di Vicenza, domani, domenica 15 giugno, è dedicato a Richard Strauss, di cui ricorrono i 150 anni dalla nascita, e a Wolfgang Amadeus Mozart, protagonista anche della sezione Opera del Festival. Causa indisposizione non ci sarà il maestro Mario Brunello, che conferma, tuttavia, la sua presenza al Festival, martedì 24 giugno per il concerto “Raccontare Bach” dove interpreterà due delle sei Suite per violoncello solo di Johann Sebastian Bach.

Quanto alla serata di domani all’Olimpico, vi saranno due altri due grandi interpreti: la violinista italo armena Sonig Tchakerian, musicista di fama internazionale che ha poco bisogno di presentazioni, ed il pianista Andrea Lucchesini, vincitore del Concorso Internazionale “Dino Ciani” presso il Teatro alla Scala di Milano, interprete di prim’ordine che vanta un’ampia discografia e una collaborazione in qualità di solista con orchestre e direttori di fama mondiale. L’appuntamento sarà preceduto, alle ore 19.30, presso l’Odeo del Teatro Olimpico, da una Conversazione, intitolata Un, due, tre…, con il musicologo e critico musicale Giorgio Pugliaro.

Il programma si aprirà con la Sonata KV 304 in Mi minore per violino e pianoforte di Wolfgang Amadeus Mozart, composta a Parigi durante l’estate del 1778, quarta di sei sonate che restituisce, nei suoi due tempi, allegro e minuetto, la natura malinconica dell`ispirazione mozartiana. Seguiranno Quattro Improvvisi per pianoforte, op. 90, di Franz Schubert, affascinanti nella loro straordinaria fantasia creatrice ed esempio dello Schubert “poeta del pianoforte”. Si ritorna poi a Mozart con la Sonata KV 283 in sol maggiore.  Al 1887 risale invece la Sonata op. 18 in Mi bemolle maggiore per violino e pianoforte di Richard Strauss che chiude la serata.

Quanto agli interpreti, Sonig Tchakerian è un personaggio inconfondibile nel panorama concertistico internazionale. Meticolosa nello studio, ardimentosa nell’interpretazione, dove non vuole alcuna nota inerte, né una pausa o un fraseggio, vive in prima persona il linguaggio e le scelte degli autori. Per questo, nella trasmissione L’infedele, il pianista iraniano Ramin Bahrami l’ha presentata come una protagonista di quella libertà pur rigorosa che caratterizza “il nuovo Bach”.

Andrea Lucchesini invece si è formato sotto la guida di Maria Tipo. Si impone all’attenzione internazionale giovanissimo, con la vittoria del Concorso Internazionale “Dino Ciani” presso il Teatro alla Scala di Milano. Suona da allora in tutto il mondo con le orchestre più prestigiose, collaborando con direttori quali Claudio Abbado, Semyon Bychkov, Roberto Abbado, Riccardo Chailly, Dennis Russell Davies, Charles Dutoit, Daniele Gatti, Gabriele Ferro, Gianluigi Gelmetti, Daniel Harding, Vladimir Jurowski, Gianandrea Noseda e Giuseppe Sinopoli. Per maggiori informazioni: Settimane Musicali al Teatro Olimpico, telefono 0444/302425, mail: info@olimpico.vicenza.it, web: www.olimpico.vicenza.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *