Breaking News

La Ulss 4 Alto Vicentino apre le porte agli studenti del territorio

La Ulss 4 Alto Vicentino ha accolto ieri una settantina di studenti delle Scuole Superiori di Thiene e Schio in procinto di iniziare un’esperienza di stage estivo nelle strutture aziendali e ospedaliere. Durante l’incontro, al quale erano stati invitati i 32 Sindaci della Ulss 4, i rappresentanti delle associazioni di volontariato, delle istituzioni territoriali e i tutor scolastici delle scuole aderenti al progetto, il Direttore Generale della Ulss 4 Daniela Carraro ha illustrato a studenti e insegnanti, con l’ausilio di alcuni tecnici e del personale sanitario dell’Ospedale, i concetti salienti alla base dell’azienda anche attraverso il Bilancio Sociale, una copia del quale è stata consegnata a ciascuno dei presenti.

Il Bilancio Sociale è lo strumento di rendicontazione e controllo oltre che di comunicazione all’interno e all’esterno dell’azienda. Gli studenti provengono dagli Istituti Tecnici Boscardin, Chilesotti, De Pretto e Aulo Ceccato e dai Licei Tron, Martini e Zanella.

Daniela Carraro ha spiegato ai giovani i vari servizi della Ulss 4 e dell’Ospedale Alto Vicentino, sottolineando di quest’ultimo le caratteristiche innovative e all’avanguardia nel panorama ospedaliero veneto e italiano. Un Ospedale in cui tutto è nuovo, dalla costruzione ai macchinari e alle varie attrezzature.

Alla sua prima uscita ufficiale come nuovo Sindaco di Schio, il neo eletto Valter Orsi ha notato che “per i giovani è molto importante conoscere il mondo del lavoro e delle istituzioni. La Ulss 4 offre un importante opportunità a questi ragazzi, perché la salute è un bene primario e conoscere da vicino l’azienda sanitaria è sempre utile e formativo”.

Un concetto sottolineato anche dall’insegnante di Lettere Rita Rosa, del Liceo Scientifico Tron di Schio: “lo stage è fondamentale per le scelte future degli studenti. Chi sceglie la Ulss 4 sarà pi più incline a proseguire gli studi tecnici universitari, come ad esempio Biologia o la stessa Medicina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *