Breaking News

In cammino con Fogazzaro alla scoperta di Vicenza

Si chiama Fogazzaro Roi ed è il primo percorso pedonabile e ciclabile pensato appositamente per il turismo dall’associazione Cammini Veneti. Si tratta di 80 chilometri, da Montegalda a Tonezza utilizzando percorsi ciclabili e argini fluviali immersi nel verde, per portare turisti e sportivi nei territori più significativi della provincia, quelli narrati e frequentati dal grande romanziere vicentino. Dopo i festeggiamenti per il centenario dalla morte di Antonio Fogazzaro, si continuerà così la valorizzazione della sua figura e delle sue opere, coniugando sport, ambiente e cultura.

Antonio Fogazzaro
Antonio Fogazzaro

Vladimiro Riva, direttore del consorzio di promozione turistica Vicenza è, presentando l’iniziativa alla stampa, quest’oggi, ha parlato del turismo sostenibile come di una “nuova frontiera” per la nostra provincia, e si compiace del coinvolgimento che il progetto sembra avere in tutto il territorio. Il percorso, già ben descritto nel sito di Cammini Veneti, attraversa 14 comuni vicentini, e si può facilmente percorrere in due giorni in bicicletta o in quattro a piedi. Quattro sono anche le tappe previste da Montegalda a Tonezza, passando per Vicenza, Marano vicentino e Velo d’Astico, con percorsi in gran parte pianeggianti e con l’unica salita impegnativa subito prima dell’arrivo.

Cammini veneti è nata da un gruppo di appassionati della cultura del camminare e si propone di creare dei percorsi pedonabili e ciclabili sul modello dei grandi cammini medievali verso Santiago de Compostela e sulla via Francigena, al fine di valorizzare territorio e la cultura attraverso lo sport. Nel caso del percorso Fogazzaro Roi si è pensato proprio di seguire i luoghi fogazzariani, soprattutto quelli descritti nei romanzi Daniele Cortis, Piccolo mondo moderno e Leila, riuscendo così ad unire le suggestioni create dal grande scrittore con l’esperienza diretta delle bellezze naturali, architettoniche e anche enogastronomiche.

Giuseppe Roi, mecenate e ultimo erede di Fogazzaro
Giuseppe Roi, mecenate e ultimo erede di Fogazzaro

Il presidente di Cammini Veneti, Andrea Cevese, racconta la genesi dell’idea, nata proprio lungo il cammino per Santiago di Compostela e dalla convinzione che la nostra pianura possa offrire spunti turistici senza paragone. Cevese si fa poi scappare i prossimi obiettivi dell’associazione: “Pensiamo ad un percorso ‘Rigoni Stern’, che andrebbe dall’Accademia Olimpica ad Asiago, e ad un secondo dedicato a Piovene e a Renato Cevese. Infine, il sogno sarebbe quello di creare il cammino veneto delle ‘Piazze dei Signori’, da San Marco fino a San Zeno, che potrebbe attirare decine di migliaia di turisti da tutta Europa”

“Grande potrebbe diventare l’introito economico – dice la vice presidente Paola Franco – per tutti i paesi coinvolti, soprattutto se questi riescono a creare dei mini percorsi di deviazione all’interno del proprio territorio comunale, permettendo a chi volesse approfondire il singolo paese di trovare comodi riferimenti. Inoltre, chi cammina può svolgere anche un importante compito di controllo, soprattutto degli argini e dei delicati equilibri fluviali, segnalando eventuali disagi”.

Riccardo Carli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *