Breaking News

Brendola, imparare le lingue giocando nei centri estivi

Imparare la lingua inglese tutti assieme, in un centro estivo, e giocando. E le famiglie hanno dimostrato di gradire l’iniziativa. Tutto questo a Brendola, dove sono state ben 90 le iscrizioni al centro estivo English Camp, per bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni. Ad organizzarlo è l’associazione London School, con il sostegno dell’amministrazione comunale e dell’Istituto comprensivo “Galileo Galilei”, Tra l’altro, la proposta che ha raccolto consensi anche al di fuori della cittadinanza brendolana, con molti iscritti arrivati da diversi paesi della provincia di Vicenza, quali  Montecchio Maggiore, Altavilla Vicentina e Sarego, fino addirittura a Monticello Conte Otto.

I partecipanti hanno vissuto a stretto contatto dal 9 al 20 giugno con 3 tutor madrelingua, che li hanno seguiti tutti i giorni dalle 9 alle 17, proponendo laboratori di musica, sport, ballo, e giochi a tema, tutto in lingua inglese. Un buon successo dunque, che ha spinto gli organizzatori a prolungare l’esperienza di una settimana, da oggi 30 giugno al 4 luglio, accogliendo la richiesta della stessa associazione promotrice che si trovava con un corso venuto a saltare in queste stesse date nel mantovano. E così ai 77 bambini della prima fase, che al costo di 50 euro hanno tutti deciso di continuare l’esperienza, se ne aggiungono altri 13 desiderosi di intraprendere lo stesso viaggio, sempre nei locali della scuola elementare “Giustiniani” di Vo’.

Grande partecipazione anche alle parallele lezioni serali per adulti: 8 le persone iscritte ai 4 appuntamenti proposti nella seconda settimana di presenza degli stessi tutor, per imparare a destreggiarsi tra le regole della lingua per la comunicazione internazionale.

“Apprendere in modo divertente – ha sottlolineato l’assessore alla Cultura Barbara Tamiozzo – è un piacere a qualsiasi età, soprattutto se si tratta di una nuova lingua. I risultati di quest’anno sono il frutto di un percorso che, assieme alla scuola, abbiamo intrapreso e che continuerà nei prossimi anni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *