Zaia lancia una campagna su twitter per la liberazione dei missionari vicentini

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha lanciato su Twitter una campagna di mobilitazione #bringbackourmissionaries per la liberazione dei due missionari vicentini Giampiero Marta e Gianantonio Allegri, ancora nella mani dell’organizzazione estremista islamica Boko Haram in Camerun. “Occorre che ci mobilitiamo a ogni livello – ha spiegato il presidente – per far capire al mondo intero che la confessione religiosa deve sempre essere sinonimo di pace e fraternità e non invece di pratiche abominevoli come il rapimento, le torture o, peggio, l’uccisione di persone colpevoli solo di professare una fede diversa”.

Il presidente della Regione Luca Zaia
Luca Zaia

“Lo faccio perché sono convinto – prosegue Zaia – che in nessun caso la religione può essere motivo di violenza e barbarie, ma sempre elemento di fratellanza e rispetto reciproco. E’ incredibile quello che sta succedendo a Giampiero Marta e Gianantonio Allegri da due mesi prigionieri senza poter dare notizia di sé”.

“E’ giusto – ha concluso Zaia – che la comunità ecclesiale si stringa in preghiera intorno al vescovo. Ma la Farnesina e il governo italiano devono fare passi più risoluti nei confronti delle autorità africane per mettere fine a quest’inaccettabile vicenda e aiutare i nostri missionari che sono in quella terra come gesto d’amore e di straordinaria generosità, ripagato in questo modo. La loro vita continua ad essere in pericolo. Non possiamo permetterlo e per questo dobbiamo mobilitarci tutti e farci sentire”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *