Breaking News

Vicenza, centri estivi 2014 organizzati dai privati ma coordinati dal Comune

Tornano i centri estivi a Vicenza. Sarà l’assessorato comunale alla formazione, attraverso l’ufficio sport,  a coordinarne l’organizzazione che sarà invece a cura di enti, società e associazioni sportive della città, come avvenuto per la prima volta lo scorso anno. Prosegue quindi la formula sperimentata nella stagione estiva 2013, “vantaggiosa – spiega il Comune di Vicenza in una nota in proposito – sia per le famiglie, che hanno l’opportunità di conoscere tutte le proposte in modo chiaro e di usufruire dei centri estivi a costi contenuti, sia per le 19 realtà organizzatrici, raccolte in un volantino con i recapiti di ciascuna per un facile contatto.

“Per il secondo anno consecutivo – ha spiegato l’assessore alla formazione Umberto Nicolai – abbiamo deciso di coordinare, riunendole in un unico volantino, tutte le 19 realtà cittadine che organizzano centri estivi, offrendo un utile servizio alle famiglie con proposte distribuite in media lungo otto settimane che corrispondono indicativamente ai mesi di giugno e luglio, con il prolungamento in alcuni casi anche in agosto e settembre. Nel 2013 sono stati coinvolti circa 1.000 bambini a settimana per un totale di 8.000: in media ogni ragazzo frequentava due settimane con una prevalenza di maschi per il 60%. Quest’anno non siamo certi di raggiungere questi numeri , a causa della difficile situazione economica che stiamo attraversando”.

“Abbiamo cercato di contenere i costi, – ha aggiunto Nicolai –  con lo spirito di consentire a tutti i ragazzi di imparare uno dei 20 sport praticati, anche se alcuni centri che svolgono particolari attività sportive necessariamente chiederanno quote di iscrizione più elevate. Sono oltre 50 gli impianti sedi dei centri estivi: le piscine coinvolte sono 6, situate in città e in altri comuni; gli impianti comunali messi a disposizione gratuitamente comprendono 8 campi da calcio, 17 impianti, 12 scuole, dell’infanzia e primarie, e poi parchi e giardini pubblici che comunque rimarranno aperti anche per la fruizione da parte di tutta la cittadinanza. Infine ci sono 14 strutture private”.

Il Comune concederà anche quest’anno la gratuità degli impianti sportivi di sua proprietà alle società che ne usufruiranno per organizzare i centri. Tutte le iniziative che rientrano nel calendario realizzato dall’assessorato allo sport prevedono iscrizioni con un costo medio settimanale di 50 euro per la mezza giornata e di 80 euro per la giornata intera, comprensiva di pasto e merenda. Il corso di vela al laghetto di Valproto a Quinto Vicentino richiede, a causa dei costi della struttura, dei mezzi di trasporto e dell’istruttore, una quota più alta.

Inoltre, anche quest’anno Banca Intesa San Paolo proporrà gratuitamente percorsi culturali fruibili dai frequentatori dei Centri estivi con “Una mitica estate al museo” alle Gallerie d’Italia di  Palazzo Leoni Montanari. Si tratta di giornate tematiche di carattere ludico e creativo che i 19 centri, a loro discrezione potranno inserire nella programmazione settimanale. I centri saranno aperti dal lunedì al venerdì e offriranno iscrizioni a tempo parziale e a tempo pieno, compresi quindi il pasto e la merenda. Accoglieranno bambini dai 6 ai 13 anni, secondo periodi, orari e tariffe fissati da ciascuna società.

I centri estivi del Csi, quelli della Cooperativa Alinsieme e di La Piccionaia-I Carrara e Arciragazzi-Vi sono gli unici che prevedono attività specifiche per la scuola dell’infanzia, per bambini dai 3 ai 6 anni. Altre realtà potrebbero valutare l’accoglienza di bambini di questa fascia d’età o con più di 13 anni. Per informazioni consultare il sito www.sport.vicenza.it e la scheda nella sezione “In evidenza del sito www.comune.vicenza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *