Lapide commemorativa di Luigi da Porto, in Contrà Porti, a Vicenza - Foto: Marcok (creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/deed.it)
Lapide a Luigi da Porto, in Contrà Porti, a Vicenza - Foto: Marcok (creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/deed.it)

Torna a Vicenza il manoscritto delle lettere di Luigi Da Porto

Ci sarà domani, mercoledì 21 maggio, a Vicenza, alle 11, a palazzo Cordellina, la cerimonia di donazione alla città del manoscritto di Luigi Da Porto, il codice Phillipps 8164, da parte dell’imprenditore Luciano Giacomelli. L’importante dono proviene dalla Gran Bretagna, dove è stato acquistato da Cecil H. Clough, grande studioso dello scrittore vicentino cinquecentesco, autore originale del romanzo Historia nuovamente ritrovata di due nobili amanti da cui William Shakespeare ha tratto ispirazione per la più celebre tragedia di Romeo e Giulietta.

Il codice raccoglie le lettere storiche di Da Porto datate dal 1509 al 1513, e costituisce un grande tassello della sua bibliografia, di cui Vicenza conserva la testimonianza negli archivi cittadini. Luigi da Porto nelle Lettere fornisce una narrazione personale, delle guerre nate dalla Lega di Cambrai, dal suo punto di vista di gentiluomo e privato. Alle vicende belliche egli partecipa in prima persona, con la ‘lieta furia’ dei suoi vent’anni, entusiasta e baldanzoso, ma anche con occhio curioso e attento.

Il Da Porto alterna ai momenti di vitale ardimento per le battaglie altri di triste dramma per le lotte tra i cavalieri e gli alti comandi Veneziani. Abbonda con descrizioni di prodezze dei soldati, delle tragiche esecuzioni capitali e delle imboscate al chiaro di luna, che richiamano le atmosfere dei romanzi cavallereschi. In questa testimonianza storica convivono la cultura classica, i fervori umanistici dello scrittore e l’ideologia cavalleresca. Il tutto riscritto e reinventato secondo le regole linguistiche e stilistiche dettate dal suo caro e illustre amico Bembo.

Alla cerimonia saranno presenti, oltre al donatore, Luciano Giacomelli, il vicesindaco e assessore alla  crescita del Comune di Vicenza, Jacopo Bulgarini, d’Elci e il presidente della Biblioteca Bertoliana, Giuseppe Pupillo. E’ inoltre prevista una lezione su Luigi Da Porto, da parte dell’ambasciatore Sergio Romano, e un accompagnamento musicale proposto dal conservatorio musicale “Arrigo Pedrollo”.

Ester Tomè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità