domenica , 20 Giugno 2021

Montecchio Maggiore, il Tar dà ragione al Comune sulla gara per la nuova farmacia

Il Tar del Veneto ha respinto il ricorso di Federfarma Vicenza contro una delibera della giunta comunale di Montecchio Maggiore, di un anno fa, riguardante il bando di gara per l’aggiudicazione della gestione di una nuova farmacia comunale. Il Tribunale amministrativo ha dichiarato il ricorso in parte inammissibile e in parte infondato, giudicando invece legittime le procedure avviate dal Comune. La gestione della nuova farmacia, che si trova nella zona ovest della città, viene ad essere dunque ora affidata al raggruppamento temporaneo d’impresa che aveva vinto la gara, formato dalle ditte Ma.He Srl Unipersonale di Vicenza e Opera Immobiliare Srl di Schio,.

La concessione, della durata di 25 anni, garantisce al Comune di Montecchio, per il 2014, un canone di concessione di 305.000 euro Iva inclusa, e un canone annuale di 26.850 euro Iva inclusa, più un ulteriore canone determinato nella percentuale del 5% da applicare alla parte di volume di affari dell’anno precedente, qualora sia eccedente gli 850.000 euro.

La nuova farmacia assicurerà il servizio farmaceutico in una zona della città che attualmente ne è sprovvista. Secondo i requisiti richiesti dal bando, il gestore si impegna inoltre a fornire ai cittadini non solo la vendita dei farmaci, ma anche molti altri servizi, come la consegna gratuita di farmaci a domicilio, la rilevazione gratuita della pressione arteriosa, incontri formativi, aperture della farmacia in fasce orarie diverse da quelle standard, lo svolgimento di test per autoanalisi e in particolare l’attivazione presso la farmacia di un ambulatorio infermieristico.

Il ricorso di Federfarma, citando una norma del 1968, contestava in particolare il fatto che il bando fosse aperto anche a società e a raggruppamenti temporanei d’impresa. I giudici del Tar hanno invece ritenuto che la disciplina di gara fosse regolare, in quanto basata sul successivo diritto comunitario che apre alla concorrenza di società anche l’aggiudicazione dei servizi pubblici. Il Tar, respingendo un altro punto del ricorso, ha inoltre sottolineato come nell’emanazione del bando non sia stato privilegiato l’aspetto economico rispetto a quello qualitativo della prestazione farmaceutica, proprio in virtù dei servizi aggiuntivi che il gestore dovrà assicurare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità