Breaking News
Michael Formanek, in uno scatto di di Peter Gannushkin
Michael Formanek, in uno scatto di Peter Gannushkin

Michael Formanek apre il Vicenza Jazz Festival

Ci siamo dunque, domani sera, 9 maggio, inizia il tanto atteso Vicenza jazz Festival. Per dare il via alla sua diciannovesima edizione, il festival mette in programma domani ben quattro concerti con formazioni internazionali, più l’immancabile contorno di concerti nei locali cittadini che invece offriranno una vetrina al jazz nostrano.

Al quartetto del contrabbassista statunitense Michael Formanek è affidata l’apertura dell’evento, tra le prestigiose mura del Teatro Olimpico, alle 21. Quello di Formanek è un quartetto che raccoglie alcune delle più fulgide stelle dell’avant jazz newyorkese: il mito del jazz postmoderno Tim Berne, al sax alto, un pianista dalle infinite sorprese come Craig Taborn e un batterista di rilievo per il jazz dalla metrica più aperta come Gerald Cleaver. La serata all’Olimpico vedrà esibirsi in apertura anche il duo che affianca il beatboxer Napoleon Maddox e il batterista Hamid Drake, musicisti che rivoluzionano il senso del ritmo della musica afro.

Maddox e Drake si sposteranno poi al Bar Borsa, alle ore 22 con ingresso gratuito. In questo caso suoneranno in quartetto con Erik Sevret, al sax tenore, e Dave Kane, al contrabbasso. Sono gli IsWhat?!, campioni di un superlativo innesto tra i ritmi hip hop e le strutture improvvisative del jazz. Di rilievo sarà poi anche la performance in solo del giovanissimo fisarmonicista francese Vincent Peirani, già salutato come erede di Richard Galliano. Lo si potrà ascoltare alle 17 a Palazzo Chiericati, con ingresso gratuito.

Naturalmente, informeremo il lettore segnalando con un giorno di anticipo, ciascun evento via via che il programma del festival si svolge. In questa pagina c’è comunque il programma completo, mentre in quest’altra pagina note più specifiche e dettagliate sui concerti di domani. Nei limiti del possibile daremo anche notizia dei vari eventi che si svolgono nei luoghi o nei locali della città. Saremo incompleti in questo caso, dato l’alto numero di appuntamenti. Ne segnaliamo intanto qualcuno che si tiene in questi primi giorni, ad esempio il concerto della P-Funking Band, il Piazza Castello, domenica 11 maggio, alle 16.

La band è stata una delle protagoniste dell’ultimo Concertone del Primo Maggio a Roma, rileggendo in chiave originale alcuni grandi successi della musica pop italiana, uno su tutti, “Albachiara”, di Vasco Rossi, cantata a gran voce dai 300 mila spettatori di piazza San Giovanni. Ora è ospite del prestigioso Vicenza Jazz Festival, con una street parade nella quale i musicisti, vestiti di arancione e guidati dal trombettista Riccardo Giulietti, accompagneranno il pubblico in un insolito itinerario in musica lungo le vie del centro storico vicentino.

Infine, anche i commercianti di Vicenza hanno deciso di sposare il jazz, e portano la musica nei quartieri in una staffetta di concerti che tocca più punti della città. L’iniziativa, di Confcommercio Vicenza organizzata in collaborazione con il Comune, comincia sabato 10 maggio e va sotto il nome di Jazz&Art. In questa pagina il lettore può trovare una panoramica sugli appuntamenti organizzati dall’associazione, mentre da parte nostra già segnaliamo che tra i momenti culminanti vi saranno la Festa in via Vaccari e l’esposizione artistica Montmartre a Vicenza

“E’ il nostro modo – ha spiegato Matteo Trevisan, presidente della delegazione cittadina di Confcommercio – per contribuire a coinvolgere tutta la città in questo importante avvenimento musicale. I negozianti di alcune nostre sezioni territoriali hanno deciso di organizzare una serie di eventi che hanno al centro la musica e l’arte, in un connubio che avrà come momento centrale la decima edizione di Montmartre a Vicenza, esposizione di opere pittoriche che si tiene nella centralissima piazza San Lorenzo e che coinvolge un bel numero di artisti. Un bel segnale di vitalità, dunque, con cui i commercianti vogliono fare festa assieme ai cittadini e ai turisti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *