Confagricoltura: “Si penalizza chi investe nell’energia rinnovabile”

Critiche di Confagricoltura Vicenza ad una recente iniziativa del Governo che va a modificare le regole per quegli imprenditori agricoli che hanno deciso di produrre e vendere energia utilizzando fonti rinnovabili o biocarburanti. Nel mirino dell’associazione di categoria c’è il decreto legge n. 66 del 24 aprile, entrato immediatamente in vigore, riguardante alcune misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale.

“Sostanzialmente, – spiega una nota di Confagricoltura – la norma introduce, a partire dal periodo d’imposta 2014, una modifica nella determinazione del reddito imponibile derivante dalla produzione e cessione di energia elettrica e calore da fonti rinnovabili agroforestali e fotovoltaiche, nonché di carburanti prodotti da coltivazioni vegetali provenienti, prevalentemente, dal terreno ed effettuata dagli imprenditori agricoli. Nello specifico, il decreto legge che va a modificare il testo precedente stabilisce che il reddito sia determinato apportando ai corrispettivi delle operazioni (cessioni) effettuate ai fini Iva, il coefficiente di redditività del 25% laddove tali attività (produzione e cessione) si consideravano produttive di reddito agrario e dunque tassate tramite rivalutazione delle rendite. Si stimano 45 milioni di entrate per lo stato”.

Anche la colza viene usata per produrre biocarburante
Anche la colza viene usata per produrre biocarburante

Per il direttore di Confagricoltura Vicenza Massimo Cichellero la nuova normativa provocherà effetti negativi importanti agli imprenditori che hanno deciso d’investire nel settore delle energie rinnovabili. “Questo decreto legge – ha commentato Cichellero – dimostra ancora una volta come il Governo cambi le regole in corso d’opera infischiandosene degli investimenti e dei piani economici che hanno fatto gli imprenditori che da questa norma verranno stravolti con gravi ripercussioni sul piano economico finanziario. Molti agricoltori non avrebbero affrontato gli investimenti che hanno fatto se avessero saputo che andava a finire così”.

Per gli agricoltori berici, inoltre, questi effetti negativi si sommano a quelli derivanti dal decreto Destinazione Italia che ha ridotto pesantemente i prezzi minimi di vendita dell’energia elettrica da fonti rinnovabili; decisamente non un periodo fortunato per il settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *