Alto Vicentino, moda e solidarietà per l’associazione Raggio di Sole

Venerdì 16 maggio alle 20.30 al palazzetto dello sport di Zanè la quinta edizione di Reinventarsi donna, serata di moda musica e spettacolo organizzata dall’Associazione Oncologica di volontariato Raggio di Sole di Marano Vicentino. Anche quest’anno, come nele precedenti e molto partecipate edizioni dell’evento, le donne coinvolte nel progetto, con vissuto oncologico, daranno testimonianza di come, nonostante il dolore e la malattia, si possa ritornare a sorridere. L’entrata è libera e le offerte raccolte saranno destinate al sostegno delle attività dell’associazione.

“Il tema della serata è La donna elegante – spiega Franca Balasso dell’associazione – . I capi sono stati realizzati per l’occasione dagli amici e sostenitori Lory e Marco. L’associazione opera con la convinzione che l’isolamento della persona malata è una sconfitta sul piano umano e sociale. Per questo si adopera per creare una rete di relazioni, informazioni ed attività indispensabili per stimolare la volontà di vivere”.

Raggio di Sole è un’associazione senza fini di lucro fondata e fortemente voluta da Lucia Trecco, donna di vitalità generosa e con voglia di costruire qualcosa di utile per tutte quelle persone che come lei, colpite da malattia si sono trovate spesso a gestire e superare prove e momenti difficili. Dopo la scomparsa della sua fondatrice, il gruppo è oggi guidato da Lorena Ballico, neo presidentessa da poco nominata. L’associazione à formata da volontari e opera dal 1996 a Marano e nel territorio limitrofo. Si occupa di persone con vissuto di malattia ed è un vero e proprio gruppo impegnato nel campo sociale e psicologico con lo scopo di aiutare le persone colpite da patologia oncologica e le loro famiglie.

L’associazione, che collabora anche con il reparto di Oncologia dell’ospedale Alto Vicentino di Santorso, diretto dal dottor Franco Bassan, partecipa al Progetto Giobbe in Cammino, un programma innovativo dell’Ulss 4 Alto Vicentino pensato a favore dei pazienti oncologici del territorio (e premiato nel 2013 dal Ministero della Salute con il Premio Gerbera d’Oro), sotto la direzione del responsabile dell’Unità di Cure Palliative dell’Ulss 4, dottor Franco Figoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *