giovedì , 29 Luglio 2021
Tonezza del Cimone in inverno
Tonezza del Cimone in inverno

Tonezza del Cimone, c’è il finanziamento per strada della Vena

Un finanziamento per oltre 2 milioni e 300mila euro potrà essere usato dalla Provincia di Vicenza per realizzare, entro un biennio, il progetto di messa in sicurezza della strada della Vena, nel comune di Tonezza del Cimone, e realizzazione nuovi parcheggi in località Coston – Altopiano dei Fiorentini, nel comune di Lastebasse. Una buona notizia dunque per la viabilità dell’area delle montagne vicentine, salutata con soddisfazione anche da Attilio Schneck, Commissario straordinario provinciale, che ha ricordato come “la convenzione siglata il 1° aprile tra Odi e Comune di Lastebasse consenta di risolvere la delicata situazione della strada della Vena. Un altro inverno di pazienza e poi anche questo nodo aggrovigliato della nostra viabilità sarà sciolto”.

Di cosa si tratta e cosa c’entra la Provincia è presto detto.  Istituito a fine 2009, l’Odi, acronimo che sta per Organismo di indirizzo, è un fondo per lo sviluppo dei comuni di confine che gestisce 80 milioni l’anno per il finanziamento di progetti riguardanti lo sviluppo economico e sociale dei territori confinanti con le province autonome di Trento e Bolzano. A seguito diAvviso pubblico, i comuni interessati hanno inviato all’ente 206 progetti, per un importo complessivo di 785.000.000 di euro. Nel maggio del 2012 l’Odi ha approvato la graduatoria per un importo complessivo di quasi 108.000.000 di euro grazie al versamento di 80 milioni da parte della Provincia autonoma di Trento, e di una prima rata da 40 milioni da parte di quella di Bolzano.

Fatte queste premesse, il progetto di Lastebasse, realizzato in forma associata con Tonezza del Cimone ed Arsiero, è risultato meritevole di finanziamento. Nel frattempo questi comuni hanno ceduto la proprietà della strada alla Provincia di Vicenza, realizzando un accordo che ha fra i suoi punti l’impegno diretto di palazzo Nievo, attraverso Vi.Abilità Spa, nella redazione del progetto definitivo ed esecutivo, nella direzione dei lavori, negli adempimenti per la sicurezza, negli espropri, nei rilievi e nel collaudo.

“La cosa più importante – ha sottolineato Schneck – è che i soldi ci sono, e sono già stati accreditati. Ora potremmo affrontare un problema fondamentale per questo territorio. Da parte nostra, non abbiamo mai smesso di lavorare con le amministrazioni locali per cercare le risposte, anche in termini di risorse economiche necessarie, alle domande sempre più pressanti che arrivano. E questo accordo ce ne dà atto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità