Cultura e Spettacoli

Teatro, al Comunale di Vicenza danza e opera in film

Una nuova proposta per le Residenze Artistiche di Danza al Teatro Comunale di Vicenza: si tratta di Sopra di me il diluvio, una prima assoluta, dopo le prove realizzate a Vicenza, della performance che Enzo Cosimi proporrà nell’ambito di Biennale Danza 2014, a Venezia al Teatro alle Tese il 20 e il 21 giugno prossimi. La restituzione al pubblico del Comunale è in programma lunedì 28 aprile alle 20.45 nella Sala del Ridotto. Come di consueto per assistere alle residenze del Teatro Comunale, l’ingresso è gratuito ma è prevista la prenotazione obbligatoria. Quella delle residenze è una pratica diffusa nei maggiori teatri e centri culturali a livello internazionale, che permette ai giovani artisti di creare e presentare negli spazi del teatro nuove idee, nuovi progetti.

Interprete della performance sarà Paola Lattanzi; i video sono curati da Stefano Galanti, le musiche sono di Chris Watson, Petro Loa, Jon Wheeler, il disegno luci è di Gianni Staropoli; la prima della performance è realizzata in collaborazione con la  Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, Arteven, Electa Creative Arts, Milano Teatro Scuola Paolo Grassi.

Il giorno seguente, martedì 29 alle 19.30, altro appuntamento con l’opera al Cinema al Ridotto al Teatro Comunale di Vicenza in diretta via satellite dal Metropolitan Opera di New York è prevista la proiezione dell’opera in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart “Così fan tutte”. La regia è di Lesliey Konig, direttore d’orchestra è James Levine, direttore musicale del Metropolitan Opera, scene e costumi sono di Michael Yeargan; il cast è composto dal soprano Susanna Phillips e dal mezzosoprano Isabel Leonard – rispettivamente nel ruolo delle sorelle Fiordiligi e Dorabella – accompagnate sulla scena da Matthew Polenzani e Rodion Pogossov nei panni dei loro fidanzati. Danielle de Niese interpreta invece la vispa Despina, cameriera delle due sorelle.

La trama è quella conosciuta: provocati da Don Alfonso, vecchio esperto del mondo e disincantato filosofo, gli ufficiali Guglielmo e Ferrando scommettono cento zecchini sulla fedeltà delle loro fidanzate, Fiordiligi e Dorabella. Don Alfonso chiede ai due di essere assecondato nell’inganno che lui predisporrà, aiutato da Despina, cameriera delle due ragazze, per mettere alla prova la fedeltà delle loro fanciulle. Dopo numerosi accadimenti, le coppie alla fine si ricomporranno come in origine e tutti canteranno la morale; Don Alfonso ha agito a fin di bene, per rendere più saggi gli sposi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button