Senza categoria

Santorso, primo ufficio di stato civile in un ospedale veneto

Inaugurato lunedì 7 aprile dal Prefetto di Vicenza Eugenio Soldà il nuovo ufficio separato di stato civile all’Ospedale Altovicentino, il  primo nel suo genere nel Veneto. Con Soldà a inaugurare la struttura c’erano il Direttore Generale dell’Ulss 4 Daniela Carraro e i Sindaci (o loro delegati) degli otto Comuni interessati: Pietro Menegozzo per Santorso: Luigi Dalla Via per Schio; Piera Moro per Marano;  Giorgio Calli per Torrebelvicino; Armando Cunegato per Valli del Pasubio; Andrea Cecchellero per Posina; Antonio Dalle Rive per San Vito di Leguzzano; Costante Pretto per Monte di Malo.

Il nuovo servizio, che consentirà in particolare di effettuare direttamente nell’Ospedale Alto Vicentino le denunce di nascita e di morte, è il prodotto del percorso di collaborazione per la gestione associata dei servizi fondamentali promosso dagli otto Comuni. Lo sportello Qui Stato Civile Alto Vicentino sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30.  Con la firma dell’accordo, sottoscritto dai rappresentanti degli otto Comuni e dal Direttore Generale dell’Ulss Daniela Carraro, “ di fatto viene introdotta una significativa semplificazione amministrativa a favore dei cittadini e per il risparmio del loro tempo e dei loro costi”, nota lo stesso Direttore Carraro.

“Questo è un esempio lodevole di collaborazione tra Azienda Sanitaria e Amministrazioni Comunali – ha detto il Prefetto Soldà – . Un segnale chiaro di buone prassi per il presente e per il futuro di questo territorio, ma anche di tutte le altre aree della Provincia”.

La denuncia di nascita potranno essere fatte da tutti i cittadini, indipendentemente dal Comune di residenza della famiglia. Sarà poi il nuovo ufficio a trasmettere al Comune di residenza la documentazione necessaria alla successiva iscrizione del neonato all’anagrafe del Comune di residenza. Si ricorda che la denuncia può essere effettuata al’ospedale entro tre giorni dalla nascita: in alternativa i genitori possono farla presso il Comune di residenza entro 10 giorni dalla nascita). Per informare i neogenitori dell’opportunità verranno stampati dei volantini in diverse lingue.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button