Breaking News
L'istruttore Lara Morosini con il suo cane Ice
L'istruttore Lara Morosini con il suo cane Ice

Nel bassanese gli esami nazionali per unità cinofile di soccorso

Fine settimana impegnativo, l’ultimo, per il Nucleo di protezione civile dell´Associazione nazionale carabinieri dell´Unione di Marostica, in particolare per il Nucleo Cinofilo da Soccorso Anc Veneto, che ha visto “laureare” sette dei suoi cani, dopo un percorso formativo complesso e un articolato esame. Il bassanese è stato infatti scelto quale scenario della prima verifica nazionale per l’abilitazione operativa di unità cinofile da impiegare per la ricerca di persone disperse in superficie. La verifica, durata due giorni, si è svolta a Romano d’Ezzelino, tra Valle Santa Felicita e Villa Negri per gli esami pratici, e a Nove, nella sede inaugurata il mese scorso, per la parte logistica. Determinante contributo dei molti volontari che si sono prodigati alla riuscita della due giorni.

Questi esami nazionali, che rispondono a standard sempre più selettivi,  hanno coinvolto cani e conduttori arrivati da Lombardia, Lazio, Piemonte e Trentino. Hanno affrontato diverse prove in campo, dalla ricerca di persone all’obbedienza e controllo, sotto lo sguardo attento e scrupoloso della commissione, composta da due istruttori nazionali del Soccorso Alpino e da un luogotenente dei carabinieri, istruttore capo nel centro cinofili di Firenze.

Più che positivi i risultati che hanno riguardato i volontari del Nucleo Cinofilo da Soccorso Anc Veneto. Sette di essi su nove hanno superato le verifiche, dimostrando un buon grado di efficienza ed operatività e ottenendo l’ambita abilitazione, titolo richiesto dalla stessa Protezione civile per operare in caso di emergenze e calamità, sia in ambito nazionale che internazionale.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente del gruppo, Paolo Bruno, e da Vito Sitran, coordinatore tecnico del Nucleo cinofilo da soccorso veneto, che ha seguito passo dopo passo gli esami e la formazione precedente. “Sono soddisfatto – ha detto Sitran – del lavoro svolto in questi mesi e dei risultati ottenuti, soprattutto in considerazione del fatto che i criteri di valutazione sono molto selettivi. Lo standard è stato elevato dalla consulta nazionale della protezione civile nel 2012, perché sia garantita  maggiore professionalità sul campo ad ogni esigenza ed emergenza. Il nucleo cinofilo che fa capo a Marostica si è impegnato per un anno in vista di queste verifiche, con un rush finale nelle ultime settimane. Un impegno che è stato premiato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *