giovedì , 29 Luglio 2021
Da sinistra in senso orario: Martino Cerantola, Coldiretti; Daniele Zambon, Fai Cisl; Nicola Storti, Uila Uil; Edoardo Zampese, Flai Cgil; Ernesto Nardi, Cia; Michele Negretto, Confagricoltura
Da sinistra in senso orario: Martino Cerantola, Coldiretti; Daniele Zambon, Fai Cisl; Nicola Storti, Uila Uil; Edoardo Zampese, Flai Cgil; Ernesto Nardi, Cia; Michele Negretto, Confagricoltura

Nasce Ebavi, ente a tutela delle condizioni di lavoro in agricoltura

Nasce Ebavi, l’Ente bilaterale per l’agricoltura vicentina, un Fondo assistenza integrativa malattia-infortunio, a tutela dei lavoratori agricoli di Vicenza. L’accordo è stato formalizzato ieri, martedì 29 aprile, tra i direttori provinciali delle organizzazioni agricole vicentine Cia, Coldiretti e Confagricoltura e le rispettive rappresentanze sindacali dei lavoratori, ovvero Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil. Più in dettaglio, ad apporre la firma in calce all’accordo, sono sti Ernesto Nardi (Cia), Martino Cerantola (Coldiretti), Michele Negretto (Confagricoltura) e Daniele Zambon (Fai Cisl), Edoardo Zampese (Flai Cgil) e Nicola Storti (Uila Uil).

“Si tratta di un risultato storico per il mondo agricolo vicentino – hanno commentato i firmatari – in quanto, per la prima volta, le tre organizzazioni maggiormente rappresentative del mondo agricolo, per la parte datoriale, ed i tre sindacati confederali, per le rispettive categorie, siedono attorno allo stesso tavolo per sottoscrivere un accordo con lo scopo di migliorare le condizioni di lavoro e rispondere efficacemente a quelle persone colpite da malattia o infortunio”.

L’Ebavi si propone, come si legge nello statuto, di integrare i trattamenti assistenziali obbligatori in caso di malattia o infortunio e di integrare l’assistenza pubblica a tutela di tutti i lavoratori agricoli vicentini; di riconoscere, compatibilmente con le disponibilità finanziarie, ulteriori trattamenti e prestazioni; di promuovere e sostenere lo sviluppo della formazione; di promuovere ed incentivare misure per migliorare la sicurezza sul lavoro.

“Una pluralità di compiti, – concludono i firmatari dell’accordo – anche volti all’indagine ed al monitoraggio del mercato rispetto alle pari opportunità, che porterà ad una crescita della dignità del lavoro e, più in generale, ad un miglioramento delle condizioni professionali in ambito agricolo”. A fine maggio si riunirà per la prima volta il Comitato di gestione, che procederà, tra gli altri adempimenti di rito, alla nomina degli organi democratici di Ebavi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità