Arte, Cultura e Spettacoli

Grande Guerra, Pedemontana.Vi nel segno del ricordo

In occasione del Centenario della Grande Guerra, l’Associazione di Promozione Tursitica Pedemontana.Vi, in collaborazione con l’Amministrazione Provinciale di Vicenza ed il Comune di Lusiana, organizza due incontri per promuovere il territorio della Pedemontana Vicentina, teatro dal 1914 al 1918 di episodi e vicende legate al Grande Conflitto Mondiale.

Sabato 5 aprile alle 10 al Museo del Risorgimento e Resistenza di Villa Guiccioli a Vicenza prenderanno avvio le celebrazioni di commemorazione per il Centenario della Grande Guerra nella Pedemontana Vicentina con l’incontro Vera Brittain nel Centenario della Grande Guerra. Scrittirce anglosassone di fama internazionale resa celebre grazie al bestseller Testament of Youth, la Brittain riposa oggi nell Cimitero Militare Inglese di Granezza a Lusiana dove si trova anche il fratello, Capitano Edward Harold Brittain, che qui perse la vita il 15 giugno 1918.  A questo seguirà un successivo incontro, Sui luoghi di Vera Brittain, in programma sabato 26 aprile alle 9.30 nella Sala Consiliare Palazzon di Lusiana.

La scrittrice inglese che voluto tenere viva la memoria del fratello morto sull’altopiano di Asiago, ha percepito la pace di quei luoghi dove le ferite dell’anima,soprattutto quelle causate dalla guerra, si potevano rimarginare. Attiva e apprezzata scrittrice, Vera nacque nel 1893. Il suo Testamento of Youth è considerato uno dei testi più rilevanti nell’ambito della letteratura del primo conflitto mondiale. Scritto dopo la morte del fidanzato in Francia e quella del fratello Edward, colpito da un cecchino appostato di fronte alle trincee di S.Sisto a sud-est di Asiago, il 15 giugno 1918, è ancora oggi  un’opera di riferimento, tanto che la BBC ne ha realizzato una versione televisiva in sei puntate.

Nel 1922 Vera Brittain raggiunse il piccolo cimitero di Granezza per visitare la tomba di Edward al quale era particolarmente legata, tanto che aveva dato disposizione affinchè dopo la sua morte, le ceneri fossero disperse sul piccolo camposanto. Questo desiderio fu esaudito nel settembre del 1970, cinque mesi dopo la sua scomparsa. Vera Brittain durante il conflitto aveva operato come infermiera volontaria, ma per lei la guerra era stata senza fine (e legata per sempre al senso di perdita delle persone più care) diventando la fonte d’ispirazione per gran parte dei suoi scritti. Uno dei brani più commoventi è quello sotto riportato che ricorda la visita alla tomba del fratello.

Alessandro Scandale

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button