giovedì , 29 Luglio 2021

Futuri scenari finanziari e sociali, se ne parla a Vicenza

Sapete cos’è il TTIP? Non è una nuova moda importata e neppure una danza o un ballo. Con tutto il rispetto per la danza, è qualcosa di molto importante di cui la maggior parte di noi è ancora all’oscuro, ma che è destinato ad influire nella vita di tutti molto presto. Si tratta dell’accordo di libero commercio fra America ed Europa (Ttip sta per Transatlantic Trade and Investment Partnership), attualmente in discussione “quasi nascosta”. Il prossimo parlamento europeo dovrà legiferare in materia, con conseguenze molto importanti per non occuparsene.

A parlarne al pubblico vicentino, il 5 maggio alle 20.30 alla Cooperativa Insieme in via Dalla Scola 253 a Vicenza, sarà Monica Di Sisto, giornalista che insegna Modelli di Sviluppo Economico alla Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana di Roma. L’incontro si inserisce nel ciclo mensile di appuntamenti che il Primolunedìdelmese organizza regolarmente in città.

Della questione, in questa vigilia elettorale, quasi non si parla. Eppure l’accordo sul commercio e sugli investimenti, di cui sarà investito il prossimo parlamento europeo, è destinato, comunque si concluda il negoziato, ad influire notevolmente sul futuro dei rapporti politici ed economici transatlantici, e quindi sulla nostra vita quotidiana. Vale dunque la pena saperne di più. Il Primolunedìdelmese  si propone di contribuire a colmare questa lacuna, almeno in quella parte di opinione pubblica vicentina organizzata in gruppi e associazioni sensibili al tema.

Da tempo, in Italia, è in atto una campagna di sensibilizzazione in merito, promossa da diverse organizzazioni. Monica Di Sisto, relatrice al prossimo incontro, è una delle sue animatrici. Nonostante le rassicurazioni ufficiali dell’Unione Europea, rimangono molti punti ancora da chiarire e il cittadino medio si pone alcune legittime domande. Nel caso anche voi siate tra questi, il suggerimento è di non perdere l’incontro a ingresso libero, per sapere cosa c’è in ballo prima di depositare il proprio voto nell’urna il prossimo 25 maggio.

Dal 1998 il Primolunedìdelmese è la più longeva esperienza nel suo genere a Vicenza, con circa 250 incontri di riflessione e formazione su temi di attualità. Tali “buone pratiche di interculturalità e cittadinanza” hanno valso ad Ans-XXI Onlus, l’associazione che lo coordina dall’inizio, il Premio Scalabrini Ponte di Dialogo 2012. Ingredienti di base della proposta formativa sono la qualità degli interventi; l’approfondimento delle problematiche e la ricerca di soluzioni concrete alle stesse; l’apertura al confronto, la curiosità intellettuale e il pluralismo socioculturale; i toni pacati del dibattito; lo stile partecipativo; il senso etico.

Il tutto è frutto di un coordinamento di varie realtà, impegnate nella costruzione di una società più giusta, nella salvaguardia dell’ambiente, nella solidarietà e cooperazione internazionali, nella difesa dei diritti umani e civili. Esso nasce dall’associazione Alternativa Nord-Sud per il XXI secolo (Ans-XXI Onlus) ed è sostenuto da Cgil; Cisl; Legambiente, circoli di Vicenza e Parco Retrone; Loma Santa (Terra Promessa); Progetto Sulla Soglia (Rete Famiglie Aperte, Cooperativa Sociale Tangram, Cooperativa Sociale Insieme); Gruppo Sud-Nord Araceli.

Alessandro Scandale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità