Economia

Fiera di Vicenza, approvato il bilancio 2013

Approvato quest’oggi il bilancio 2013 di Fiera di Vicenza Spa. E’ avvenuto al termine dell’assemblea dei soci che si è tenuta questa mattina, subito dopo sono anche stati resi noti i dati. H che parlanod di una tendenza positiva degli ultimi anni che si conferma. L’esercizio 2013 è stato chiuso con 31,2 milioni di ricavi netti, e un utile netto che supera il milione di euro. Per il quarto anno consecutivo la società fieristica vicentina registra dunque un risultato netto positivo, a testimonianza di una crescita continua. Ricordiamo che l’approvazione del bilancio segna anche l’inizio del mandato del nuovo Consiglio di Amministrazione, insediatosi a fine dicembre 2013 con la nomina del presidente Matteo Marzotto.

“Il dato sui ricavi – spiega una nota di Fiera di Vicenza – risulta particolarmente significativo. Nel 2013 la società fieristica ha infatti quasi eguagliato i 31,6 milioni dell’anno precedente (-1,3%). Sul segno meno hanno inciso la  riduzione della metratura vendibile a seguito dei lavori di riqualificazione del Quartiere Fieristico, incluse le aree del Centro Congressi, e la contrazione del fatturato generato dalla vendita dei servizi pubblicitari. Per quanto riguarda la ripartizione dei ricavi per categoria di Manifestazioni, nel 2013, 21,5 milioni derivano dalle Fiere Jewellery, mentre 3,9 milioni dalle Fiere Lifestyle&Innovation”.

L’Ebitda (risultato operativo lordo)- prosegue la nota – si attesta a circa 4,9 milioni di euro (15,9% del fatturato). Un calo di circa il 2% dovuto all’incremento dei costi del personale (legati al progetto di riorganizzazione e alle attività formative per sviluppo delle competenze) e alle dinamiche dei ricavi netti e dei costi per servizi. Questi sono aumentati dello 0,7% rispetto al 2012, raggiungendo i 20,5 milioni di euro, pur in presenza di una riduzione di alcuni costi legati all’organizzazione diretta delle Manifestazioni. L’Ebit (risultato operativo) si attesta a quota 2,3 milioni di euro (7,5% del fatturato) e sconta gli stanziamenti al fondo rischi per 776mila euro, non presenti l’anno precedente. La posizione finanziaria netta, pari a 35,2 milioni di euro, risente degli investimenti effettuati per il progetto di ampliamento infrastrutturale, in linea con quanto previsto dal conto economico e finanziario. Considerati gli impegni connessi al progetto di sviluppo infrastrutturale e di rafforzamento strategico della Società espressi dal Piano Industriale, l’Assemblea ha approvato la proposta del Consiglio di Amministrazione di destinare l’utile dell’esercizio a Riserva legale per Euro 50.445 e a Riserva straordinaria per Euro 958.457”.

Matteo Marzotto, Presidente di Fiera di Vicenza: “Il 2013 ha indubbiamente rappresentato una tappa fondamentale nel disegno di forte sviluppo varato dalla nostra Società: sono stati consolidati e in alcuni casi si sono completati importanti progetti strategici lanciati nel corso del triennio appena conclusosi, come la riqualificazione e l’ampliamento del Quartiere Fieristico dal punto di vista delle infrastrutture, la rivisitazione dei format e dei servizi fieristici, il rinnovamento dei modelli organizzativi e il riposizionamento internazionale di Fiera di Vicenza. Il Piano Industriale 2014/2018 implementerà le linee guida tracciate con l’obiettivo di rafforzare il nostro ruolo di “Event Show Producer” globale. Fiera di Vicenza si trasforma e da semplice contenitore di spazi si è ormai evoluta in azienda promotrice e generatrice di contenuti di elevata qualità, nei diversi settori in cui opera e al servizio di un’utenza sempre più internazionale. Abbiamo la consapevolezza di poter esportare il nostro format e know-how a livello globale, generando valore e promuovendo il well done in Italy nel mondo”.

Corrado Facco, Direttore Generale di Fiera di Vicenza: “Nel 2013 abbiamo ben operato sul fronte interno, arricchendo il portafoglio prodotti nel segmento delle manifestazioni b2b e dedicate al pubblico, con l’acquisizione di Koiné, Mondo Motori Show e l’organizzazione di Game Fair Italia. Sul piano dell’internazionalizzazione sono state siglate collaborazioni e partnership importanti, mirate a presidiare i mercati a maggiore potenzialità: Cina, USA, Brasile, India ed Emirati Arabi. Il 2014 è iniziato nel migliore dei modi con le Manifestazioni del primo quadrimestre che hanno registrato buoni risultati in termini sia di fatturato, sia di presenze di espositori, affluenza di operatori del settore e di pubblico. Il Piano per i prossimi cinque anni punterà in particolare alla messa a regime dell’utilizzo del nuovo Padiglione anche per le Fiere Jewellery, a partire dal nuovo format espositivo Vicenzaoro The Boutique Show a gennaio 2015, e allo sviluppo della internazionalizzazione, a cominciare dall’accordo con Dubai, ormai alle battute conclusive”.

Prossimi appuntamenti alla Fiera di Vicenza: dall’8 all’11 maggio si terrà il nuovo Evento Origin, Passion and Beliefs,  piattaforma di interconnessione che riunisce il più qualificato “saper fare” italiano, i migliori designer indipendenti ed i più raffinati buyers internazionali del settore accessorio-moda; dal 10 al 13 maggio si aprirà Vicenzaoro Spring, Mostra internazionale di oreficeria, gioielleria, argenteria, orologeria, gemmologia.

Con un organico di 84 dipendenti, nel 2013 Fiera di Vicenza ha organizzato direttamente 13 Manifestazioni internazionali e nazionali nei settori Jewellery e Lifestyle&Innovation. Ha ospitato 10 Manifestazioni organizzate da terzi, nel Centro Congressi e nei Padiglioni, e ha allestito 30 tra Convegni, Assemblee, Meeting ed Eventi, alcuni di essi a livello internazionale. Sono stati oltre 5.300 complessivamente gli espositori provenienti da distretti produttivi italiani e da circa 60 Paesi esteri, 35.000 i buyer delle Mostre trade della gioielleria provenienti da 121 Paesi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button