Vicenza - Loggia del Capitaniato

Cub: “Irrazionali le scelte del Comune di Vicenza per ridurre la spesa”

Dirigenti comunali di Vicenza nel mirino del sindacato autonomo Cub Vicenza. I Comitati unitari di base in realtà se la prendono soprattutto con l’amministrazione comunale che, secondo loro, anziché razionalizzare le spese, sceglierebbe la strada di  “spendere ancora soldi per insegnare ad una casta di dirigenti strapagati come si fa a tagliare la spesa”. Il Cub lo scrive in una nota piuttosto tagliente, nella quale non fa sconti agli amministratori del capoluogo iberico, sottolineando, con tono sarcastico, il fatto che a Vicenza “chi dovrebbe essere tagliato per primo, ovvero la dirigenza perché è pagata troppo, va a scuola di taglio con un corso pagato dallo stesso Comune”.

Filippo Zanetti
Filippo Zanetti

L’iniziativa dei Cub nasce dalla notizia che il comune vicentino “paga degli esperti esterni – scrivono i Cub – per un corso di formazione riservato ai dirigenti per insegnare loro come razionalizzare le spese del comune di Vicenza. L’assessore alla semplificazione Zanetti dichiara che in gioco c’è il pareggio di bilancio, precisando pure che i piani di razionalizzazione non hanno nulla a che vedere con il blocco del piano assunzioni”.

“Quindi – si legge ancora nella nota dei Cub vicentini – la nostra amministrazione spende  ancora quattrini per insegnare ad una casta di dirigenti strapagati come si fa a tagliare la spesa comunale (razionalizzare la spesa significa tagliarla) precisando però che tutto ciò non c’entra nulla con il taglio lineare delle 10 assunzioni già approvate lo scorso anno che avrebbero portato una boccata d’ossigeno ai servizi alla cittadinanza”.

“Bastano queste poche riflessioni – conclude il sindacato autonomo – per capire quanto sia messa male la pubblica amministrazione,  quanto distante sia la casta politico dirigenziale dai problemi reali dei cittadini e dei dipendenti che con impegno e sacrificio stanno mantenendo in piedi i servizi comunali. La Cub è per un taglio lineare della metà dei dirigenti tuttora in organico, il risparmio si aggirerebbe intorno al milione di euro, che rappresenta un quinto di quel buco di bilancio che tanto preoccupa il nostro sindaco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità