Provinciavicenzareport

25 Aprile, la Festa della Liberazione nella provincia

Cerimonia sovracomunale del 25 aprile in vari comuni della provincia di Vicenza. A Schio, ad esempio la celebrazione il 69° Anniversario della Liberazione comprenderà i Comuni di Schio, Santorso, San Vito di Leguzzano, Torrebelvicino e Valli del Pasubio. Il programma prevede il ritrovo in piazza Statuto alle 9.30. Da qui partirà il corteo che, snodandosi lungo le vie del centro, raggiungerà piazza Rossi, dove alle 9.50 si terrà l’alzabandiera. Alle 10 è previsto l’arrivo al Chiostro Ossario di SS. Trinità per la cerimonia commemorativa e la celebrazione della messa. Parteciperanno il Complesso Strumentale Città di Schio e il coro “Le vece cane”. Previsti il saluto del sindaco di Torrebelvicino, Giorgio Calli, l’orazione del sindaco di San Vito di Leguzzano, Antonio Dalle Rive e un intervento del presidente mandamentale Anpi Val Leogra, Antonio Angelina. In caso di maltempo i partecipanti si ritroveranno direttamente al Chiostro Ossario di SS. Trinità.

Celebrazione congiunta, anche a Marostica, per i Comuni di Marostica, Mason Vicentino, Molvena, Nove, Pianezze e Schiavon. L’orazione Ufficiale sarà tenuta  dal Luigi Poletto, molto noto, negli ambienti politici e non solo, per essere stato il presidente del  Consiglio comunale di Vicenza. Anche Thiene e a Zanè celebreranno assieme il 25 aprile. Anche per questi comuni il programma prevede il raduno, a Thiene, alle 9.30, in piazza Arturo Ferrarin, con alzabandiera ufficiale alle 9.45, quindi alle 10.00 la S. Messa in Duomo e a seguire la commemorazione al Monumento ai Caduti di piazza Giacomo Chilesotti. Al saluto del sindaco di Thiene, Giovanni Casarotto, seguirà l’orazione ufficiale tenuta da, Carla Poncina, direttore dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea “E. Gallo” di Vicenza.

Quindi ci sarà la consegna di un attestato da parte dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci ad Amedeo Garzotto, classe 1924 e Battista Pretto, classe 1924. La manifestazione si sposterà poi  a Zanè, dove alle 12.00, in Piazzale Aldo Moro, avverrà la deposizione della corona d’alloro  al Monumento ai Caduti ed il saluto del sindaco, Alberto Busin. Nel pomeriggio l’associazione Amici della Resistenza e le associazioni Rancurarte e Huomologando, con il patrocinio del Comune di Thiene, cureranno un intenso programma di eventi, in piazza Chilesotti.

A Montecchio Maggiore le celebrazioni per la Festa della Liberazione quest’anno sono invece partite in anticipo. Essendo il 25 aprile un venerdì, giorno di mercato in cui l’intera piazza Marconi è occupata dalle bancarelle, l’alzabandiera e la deposizione della corona presso il Monumento ai Caduti nella stessa piazza Marconi si tiene oggi, giovedì 24 aprile, alle 18,30. Le celebrazioni proseguiranno poi domani, 25 aprile. Celebrazioni di rito anche a Caldogno, domani, dove si comincerà alle 9,30 con l’esecuzione musicale di alcuni brani patriottici da parte della Banda cittadina di Cogollo del Cengio.  L’orazione ufficiale sarà pronunciata da Ferdinando Cappozzo, già amministratore comunale e componente del Gruppo Fanti di Caldogno.

A Brendola, infine, la mattinata di domani sarà aperta dall’alzabandiera e, a seguire, la parola passerà alle riflessioni dei ragazzi delle scuole brendolane. “Passano gli anni – ha commentato il sindaco di Brendola, Renato Ceron, – ma la memoria resta forte, come dovere verso chi ha lottato fino alla fine dei suoi giorni per la libertà che oggi conoscono Italia ed Europa”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button