Vicenza

Vicenza, buoni numeri per i Musei Civici

A due mesi dalla riapertura di Palazzo Chiericati e dalla presentazione della Guida digitale di Santa Corona, i Musei Civici fanno il punto della situazione, analizzando le prime statistiche. Sul fronte delle presenze, grande affluenza si registra per la Pinacoteca civica di Vicenza, con più di 2000 ingressi nella giornata inaugurale di sabato 21 dicembre 2013, dopo il lungo restauro e il riallestimento che hanno interessato l’ala palladiana, seguiti, ad appena una settimana, dalle 600 persone che, il 28 dicembre, si sono messe in fila per “Una notte al Museo”, l’iniziativa promossa dal  Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Le persone che hanno visitato Palazzo Chiericati dal 22 dicembre 2013 ad oggi sono state circa 7000, segnando una crescita positiva in un periodo normalmente di basso afflusso.

Anche i commenti lasciati sia sul libro delle firme di Palazzo Chiericati che su Trip Advisor risultano a 5 stelle, con apprezzamenti sugli allestimenti, sulla qualità delle opere e sulla disponibilità del personale. Già lo scorso anno Palazzo Chiericati aveva ottenuto il certificato di eccellenza da Trip Advisor, con 4 stelle su 5 e l’ottava posizione tra le attrazioni culturali vicentine. Il 2014 promette bene visto che il palazzo è già salito al settimo posto con 4,5 stelle su 5.

Un inatteso e gradito red carpet vede poi protagonista il dipinto di Alessandro Maganza “Ritratto di Maddalena Campiglia”, scelto per l’allestimento di presentazione del film di Paolo Sorrentino, “La Grande Bellezza” alla cerimonia degli Oscar a Los Angeles. Un pannello alto 2 metri con la gigantografia del dipinto porterà infatti la celebre poetessa vicentina sul noto red carpet, assieme ad altre opere di pregio, simbolo della cultura italiana nel mondo.

Si conferma inoltre l’attenzione del Comune di Vicenza nei confronti della sostenibilità ambientale, come testimonia la scelta di promuovere sempre di più un Museo a basso consumo: il progetto illuminotecnico realizzato da Claudio Cervelli a Palazzo Chiericati ha reso la splendida dimora gentilizia dei secoli XVI e XVII un esempio di museo a basso consumo energetico, con una dotazione fra le più innovative in Italia. Tutti i nuovi sistemi d’illuminazione nelle zone espositive utilizzano ora tecnologia LED, che abbatte i consumi e le conseguenti emissioni di CO2 nell’atmosfera: tutto l’edificio ora consuma meno di 7 KW all’ora contro i 40 KW che si registravano prima del restauro. Infine, nel vicino gioiello architettonico di Santa Corona, la Guida digitale da poco realizzata, grazie al generoso contributo della Fondazione Roi – la prima guida digitale completa in una chiesa italiana -, che è stata presentata alla stampa il 22 dicembre scorso, ha registrato ad oggi 1.400 utenti.

“Sono numeri importanti – commenta il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini d’Elci – che dimostrano come, dopo lunghi e delicati restauri, Santa Corona e Palazzo Chiericati siano stati restituiti alla città in una nuova veste, pensata nel segno della contemporaneità, capace di guardare ai giovani e alla multimedialità, con l’ausilio di nuove tecnologie e modalità di comunicazione applicate all’arte. L’obiettivo sono ora gli utenti stranieri, rendendo sempre più accessibili i luoghi di interesse storico-artistico e le relative informazioni. Il Comune si sta attivando per portare nel Tempio di Santa Corona la copertura wi-fi gratuita, favorendo così la velocità di connessione e l’utilizzo, anche da parte dei visitatori stranieri, della guida digitale nella versione bilingue italiano-inglese”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button