Provinciavicenzareport

Ospedale di Bassano, per la seconda volta è per l’Unicef “Amico dei bambini”

Importante riconoscimento per l’Ospedale di Bassano del Grappa. Viene dall’Unicef che, per la seconda volta lo ha riconosciuto “Amico dei bambini”. L’importante organismo internazionale, il cui scopo è la tutela dell’infanzia in un mondo che da ad essa poco spazio e suporto, viene assegnato dopo attenti e scrupolosi controlli per verificare il rispetto di determinati parametri considerati fondamentali. Il bambino e la donna sono infatti pazienti particolari per il servizo sanitario, da curare e assistere con specifiche attenzioni.

Luca Zaia
Luca Zaia

E l’Ospedale bassanese di San Bassiano evidentemente queste attenzioni le ha avute. Lo sottolinea anche il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commentando la consegna del attestato dell’Unicef. “E’ un’ulteriore riconoscimento – ha detto Zaia – della qualità, e dell’attenzione che la nostra sanità rivolge ai bisogni dei bambini e delle donne. Del resto è quanto stiamo facendo in tutto il Veneto. Per esempio a Verona, dove è già attivo l’Ospedale della donna e del bambino, e con il progetto del nuovo Ospedale di Padova nel quale è prevista la realizzazione di una struttura interamente dedicata a tutte le specialità di cura rivolte ai bambini e alle mamme”.

“In molti nostri ospedali le attenzioni vanno anche oltre – continua Zaia – rivolgendosi anche agli aspetti più umani e pratici del rapporto tra bambino, donna e ospedale. Sarà ad esempio capitato a molti di trovare dei parcheggi delimitati con strisce rosa. Sono quelli che la nostra particolare attenzione intende mettere a disposizione, ad esempio, a una donna incinta per permetterle di percorrere a piedi la minor distanza possibile”.

“Ottenere la qualifica di Baby Friendly Hospita – ha concluso il presidente – non è impresa facile perché, giustamente, l’Unicef è molto rigido nella verifica delle caratteristiche necessarie. Bravi davvero, al San Bassiano ad avere ottenuto il riconoscimento non una ma due volte”.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button