Vicenza

Maltempo, il Retrone ha rotto gli argini a Vicenza causando allagamenti

Decine di migliaia di persone, nella città di Vicenza, in queste ore con il fiato sospeso per il maltempo, minacciate da un concreto rischio di alluvione. In realtà non è ancora successo nulla di davvero grave, ma il pericolo è molto alto. E comunque il Retrone, il secondo fiume della città, ha rotto gli argini ed ha allagato alcune zone del quadrante nord ovest di Vicenza. La pioggia delle ultime ore, soprattutto quella della notte scorsa, è infatti caduta in modo inaspettato. Non è stata incessante e copiosa, come spesso avviene, nella zona dell’Alto vicentino, Val Pasubio, Fiume Leogra, quella insomma che alimenta il Bacchiglione.

E’ invece caduta, in modo abbastanza inatteso, sul quadrante nord ovest, quello che confluisce sul Retrone e di qui i problemi per l’area ovest di Vicenza. E la dichiarazione si stato di allarme per il Retrone. Come se non bastasse, all’andamento sfavorevole delle piogge si è aggiunto anche il lavoro, negli anni, dei roditori, abbondanti soprattutto sull’argine destro del Retrone. Nutrie e tassi insomma hanno talmente scavato e bucato il l’argine destro del fiume che hanno non poco indebolito la sua tenuta e facilitato, se non provocato, l’esondazione di oggi.

Per quanto riguarda invece il Bacchiglione ed il resto della città, le cose vanno meglio, almeno per ora. Certo il fiume è molto alto, a Ponte degli Angeli e soprattutto a Ponte Pusterla fa paura, ma per ora è sotto controllo e resta, secondo i parametri ufficiali, una situazione di solo preallarme. Questo almeno finché il Bacchiglione sarà sotto controllo, come lo è in queste ore. Non si può dire infatti come si svilupperà questo maltempo, dato che l’intera settimana che è appena iniziata sarà interessata da piogge e perturbazioni, forse non così intense continue, come negli ultimi due giorni, certamente però preoccupanti. Le prossime precipitazioni infatti cadranno su fiumi che, come minimo, sono già al massimo del livello di guardia, e su un terreno tanto bagnato che non potrà certo assorbire altra acqua. Basterà poco insomma per causare nuovi allagamenti.

Per quanto riguarda le zono della città che fanni i conti con i maggiori disagi, da segnale che, a causa di allagamenti, è chiusa alla circolazione strada delle Caperse, dal civico 8 al 30. Rimangono inoltre chiuse la tangenziale in entrambi i sensi di marcia tra Campedello e Vicenza Ovest, allagata anch’essa, strada Sant’Agostino tra via della Tecnica e via Ponte del Quarelo, strada Ambrosini, il sottopasso di strada della Colombaretta, strada delle Ca’ Tosate, strada Scuole dell’Anconetta. Chiuso anche piazzale Natale del Grande (stadio Menti di fronte ai distinti).

Ricordiamo i numeri telefonici da chiamare in caso di necessità:

Per allagamenti di edifici Vigili del Fuoco 115.
Per allagamenti di strade Polizia locale 0444545311.
Per altre segnalazioni Ufficio relazioni con il pubblico 0444221360.
Informazioni su cosa fare in caso di allagamenti e aggiornamenti sulla situazione sui siti www.comune.vicenza.it e su www.bacchiglione.it.
Diretta streaming dal fiume Bacchiglione a ponte degli Angeli nel (canale YouTube “cittàdivicenza”).

 

Articoli correlati

Un Commento

  1. I nostri agricoltori si sono dimenticati di rifare i fossi, li hanno abbandonati. Per una spiga in più, per coltivare di più, li hanno chiusi quasi tutti e quelli rimasti sono ristretti e poco profondi. In certe zone ci sono addirittura i campi più alti delle strade e senza fossati. Inutile lamentarsi tanto. I nostri antenati avevano cura dei campi, erano bombati, cioè più alti in mezzo. C’erano fossi molto profondi e molto larghi che servivano anche per avere l’acqua d’estate per i campi. Tutti parlano della cementificazione, ma non è vero che dipende solo da quella. I danni maggiori li fanno i contadini che non pensano, che hanno i rubinetti per innaffiare i campi. E’ inutile alzare gli argini dei fiumi se non ci sono fossati che trattengono l’acqua o che la deviano sui fiumi. Io sono contro le vasche di espansione di cui tanto si parla, che fanno solo danni. Non sono un esperto, ma mi sembra logico capire dove intervenire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button