ProvinciaVicenzareport

Scontro tra un pullman Ftv ed un camion. Tanta paura ma nessuno è grave

Paura questa mattina sulla strada provinciale Vecchia Gasparona  per un incidente stradale tra mezzi pesanti, uno dei quali era un pullman della società Ftv.  Le forze dell’ordine sono ancora al lavoro per stabilire l’esatta dinamica dell’incidente, tuttavia in molti stanno parlando dell’autista del pullman come di colui che ha salvato la situazione. Secondo la società Ftv, il pullman stava percorrendo la strada da Breganze verso Thiene con una trentina di passeggeri a bordo,  perlopiù studenti , quando all’altezza del ponte dell’Astico, in Comune di Fara Vicentina, un camion-frigo sarebbe uscito all’improvviso da un incrocio.

L’autista si sarebbe dunque trovato il pesante mezzo di fronte e, grazie ai pronti riflessi, avrebbe sterzato in maniera tale da esporre il proprio mezzo al minore impatto. Senza poter, tuttavia, evitare lo scontro, che ha interessato non solo la parte anteriore del bus, ma anche la fiancata contro cui ha sbattuto il cassone del camion, mandando in frantumi tutti i finestrini.

Sul posto sono prontamente intervenute le forze dell’ordine e due ambulanze, i cui sanitari hanno subito provveduto ai primi accertamenti, senza però riscontrare situazioni di emergenza. Niente feriti gravi quindi, anche se l’autista e una decina di ragazzi sono stati accompagnati all’ospedale di Santorso per qualche medicazione e gli opportuni approfondimenti, in particolare in seguito ai tagli subiti per la rottura dei finestrini.

L’amministratore unico di Ftv, Angelo Macchia e i vertici della società di trasporti, stanno seguendo gli aggiornamenti della vicenda, in costante contatto con l’ospedale,  con il pensiero rivolto allo stato di salute dell’autista e dei ragazzi. Per ora le notizie sono confortanti e parlano di piccole contusioni ma nulla di cui preoccuparsi. Macchia ha comunque subito voluto rivolgere “un encomio all’autista, grazie al quale, assicurano i testimoni, sono state scongiurate gravi conseguenze”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button