Breaking News
Cadaveri di prigionieri nel cortile del lager di Nordhausen, un campo di concentramento dalla Gestapo

Ampio programma, a Vicenza, per la Giornata della Memoria

Anche la città di Vicenza si appresta a celebrare in grande stile la Giornata della Memoria, che ricorre il 27 gennaio. Lo farà attraverso il cinema, la musica e il teatro e con il coinvolgimento delle scuole. Le iniziative, per non dimenticare gli orrori del nazismo, della sopraffazione e dell’antisemitismo, in programma in città dal 20 gennaio all’8 febbraio, sono promosse dagli assessorati alla comunità e alle famiglie e alla crescita, con il Museo del Risorgimento e della Resistenza e la Biblioteca Civica Bertoliana, insieme anche a numerose associazioni. Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche dell’Armata Rossa arrivarono nella città polacca di Oświęcim, in tedesco Auschwitz: davanti ai loro occhi si aprirono i cancelli di uno dei terribili luoghi di quello sterminio che colpì oltre al mondo ebraico anche sinti, rom, disabili, Testimoni di Geova, omosessuali, oppositori politici, dissenzienti. Le iniziative culturali proposte desiderano raccontare attraverso parole, musiche e visioni alcune importanti memorie dell’Olocausto, anche nella sua dimensione meno conosciuta, dall’Omocausto al Porrajmos.

Il calendario eventi di Vicenza è stato presentato oggi, a palazzo Trissino, dall’assessore alla comunità e alle famiglie Isabella Sala. Con lei anche Giuseppe Malfermoni, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo 11, Mario Bagnara, presidente della Biblioteca internazionale “La Vigna”, Pierantonio Bevilacqua, autore delle opere esposte nella mostra “27X01X14” allestita “La Vigna”, Mattia Stella, presidente dell’associazione 15 giugno ArciGay Vicenza, Agata Keran e Ivana Massaria, che hanno collaborato all’organizzazione degli eventi. Era presente anche il consigliere comunale delegato alle pari opportunità Everardo Dal Maso.

isabella-sala-small
Isabella Sala

“Abbiamo voluto ricordare – ha sottolineato l’assessore alla comunità e alle famiglie Isabella Sala – tutte le vittime dello sterminio nazista, perpetrato nel tentativo di negare e cancellare ogni diversità sociale e culturale. Per questo ci saranno approfondimenti, sotto forma di performance artistiche, letture, convegni che tratteranno alcuni temi che ancora oggi dimostrano la nostra difficoltà nell’accostarci senza pregiudizi ad altre culture, modi di vivere e di pensare. Grazie alla collaborazione con Cento Stazioni andremo in un luogo di grande significato simbolico, mostreremo immagini dei campi di sterminio ritratti oggi, e parleremo del genocidio di una intera generazione di rom e sinti che ha portato alla negazione delle radici di cui tutti noi abbiamo bisogno per costruire il futuro, dell’annientamento di avversari politici, dell’avversione verso ogni forma di disabilità e di diversità. Termineremo le celebrazioni del 27 gennaio con una fiaccolata in cui i partecipanti saranno invitati a indossare i triangoli colorati portati dai prigionieri dei campi, deporremo una corona nel luogo in cui si ricordano le medaglie d’oro di una città che nel rispetto dei diritti e della libertà ha sempre lottato. Queste celebrazioni sono il frutto di un lavoro di gruppo fra assessorati e soggetti quali la rete di scuole Vicini di Banco Rom Sinti Gagè, l’Arcigay di Vicenza nel ricordo dell’Omocausto, artiste e cittadini singoli sensibili al tema, e la collaborazione preziosa del Museo del Risorgimento e della Resistenza, della Federazione Rom e Sinti di Vicenza, del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea e la partecipazione attiva di giovani ragazze sinte e gage. Credo sia una importante modalità di lavoro comune che valorizza le competenze, le tante risorse culturali e umane di cui è ricca la nostra città e mi auguro siano numerosi i cittadini che prenderanno parte alle iniziative”.

“Questa giornata  – ha invece commentato il vicesindaco Jacopo Bulgarini d’Elci – è di rievocazione del passato, ma non di meno guarda idealmente al futuro: vuol essere infatti una riflessione condivisa su una delle pagine più cupe della nostra storia, attraverso voci, note, filmati, testimonianze come quella essenziale e ancora poco nota del notaio trevigiano Elio Gallina. Il nostro sguardo non può limitarsi a confinare queste vicende in un tempo passato, che non ci appartiene più, queste storie ci interrogano in prima persona, interpellano la nostra responsabilità individuale e la nostra capacità di far fronte e rispondere al male che si annida spesso anche nelle pieghe della quotidianità. Senza scordarci che i ‘Giusti tra le nazioni’ ci hanno lasciato in eredità il loro comportamento in tempi oscuri: solo ascoltandoli e facendo tesoro di quest’esperienza è possibile un’autentica crescita civile, sociale e culturale, che permetta di costruire un mondo nuovo, più giusto e consapevole”.

Le attività sono promosse da molte scuole, enti associazioni e istituti: dagli Istituti scolastici e formativi Liceo G.B. Quadri, Istituto Comprensivo n. 4, Liceo P. Lioy, Istituto comprensivo n. 8, Istituto Musicale V. Scamozzi, Conservatorio A. Pedrollo; da associazione “L’officina dei talenti”, Theama Teatro, Centro Culturale San Paolo, associazione “La Farandola”, Arcigay Vicenza, “Associazione Sinti Italiani di Vicenza”, “Federazione Rom e Sinti Insieme”, “Idraulici del suono”, “Les manouches bohémiens”, “Progetto Memoria del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea”, “Rete Vicini di banco: Rom Sinti Gagè”, “Società del Quartetto”, “Torno tardi”; da Biblioteca Internazionale “La Vigna”, Cento Stazioni, Gruppo Ferrovie dello Stato raggruppamento nord est.

Questo il programma delle iniziative in dettaglio:

Sabato 25 gennaio alle 11 in Stazione ferroviaria si potrà assistere alla videoproiezione “Il silenzio e la memoria. Immagini dai campi: Birkenau e Auschwitz”, a cura di Francesca Lovato. Seguirà il flash mob “Al vostro fuoco mi riscaldo” e l’ascolto delle letture tratte da I.G. Kovačić, M. Rigoni Stern, P. Levi, W. Congdon con le ragazze del gruppo “Torno Tardi” e l’accompagnamento musicale degli “Idraulici del Suono”. Tutte le proposte sono ad ingresso libero ed organizzate in collaborazione con l’assessorato alla comunità e alle famiglie del Comune di Vicenza, la Federazione Rom e Sinti Insieme, l’Associazione Sinti Italiani di Vicenza e Cento Stazioni – gruppo ferrovie dello Stato raggruppamento nord-est. Informazioni: direzioneservsociali@comune.vicenza.it

Nel pomeriggio di sabato 25 gennaio, alle 16, nell’auditorium del Museo del Risorgimento e della Resistenza verrà proiettato il documentario “Paragraph 175”, dedicato alle vittime dell’Omocausto. Con la presentazione a cura di Arcigay Vicenza. Seguirà il percorso di riflessione “Ombre della ragione. Radici storiche della non-tolleranza”, a cura di Agata Keran e con Irene Rui. Seguiranno letture da E. Stein, W. Szymborska, I.G. Kovačić, M. Farhi, P. Polansky con accompagnamento musicale di Les manouches bohémiens. L’appuntamento ad ingresso libero è curato da l’assessorato alla comunità e alle famiglie, il Museo del Risorgimento e della Resistenza e l’associazione Arcigay. Informazioni: direzioneservsociali@comune.vicenza.it. 0444222580

Lunedì 27 gennaio alle 17 alla Biblioteca Internazionale “La Vigna” (salone al piano nobile, contrà Porta S. Croce 3) si terrà la conferenza “Il valore della Memoria“ a cui interverranno Mario Bagnara, presidente Biblioteca Internazionale “La Vigna”, il sindaco Achille Variati, Giuseppe Pupillo, Presidente Istituto Storia della Resistenza “E. Gallo”, il giornalista Antonio Trentin, Maria Chiara Pilastro, docente del Liceo Quadri e gli allievi Liceo Quadri. Sarà presente anche Giampaolo Baglioni Salomonowicz, del Progetto Memoria del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea. Seguirà la visita alla mostra di pittura di Pierantonio Bevilacqua “27X01X14”, aperta dal 24 fino all’8 febbraio 2014, da martedì a domenica dalle 16 alle 19, giovedì anche dalle 10 alle 17.30. L’accompagnamento musicale sarà curato dalla Società del Quartetto. L’evento, ad ingresso libero, è curato dalla Biblioteca Internazionale “La Vigna” con la collaborazione dell’assessorato alla comunità e alle famiglie. Informazioni: 0444 543000.

Alle 18.30 prenderà il via la fiaccolata da piazza San Lorenzo a piazza dei Signori con  la deposizione di una corona ai piedi della Torre Bissara, per ricordare le vittime dell’Olocausto. Seguiranno performance e interventi a cura di assessorato alla comunità e alle famiglie del Comune di Vicenza, “Arcigay Vicenza”, “Associazione Sinti Italiani di Vicenza”, “Federazione Rom e Sinti Insieme”, “Progetto Memoria del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea”, “Società del Quartetto”, Museo del Risorgimento e Resistenza, Biblioteca Bertoliana, Biblioteca Internazionale “La Vigna”  Agata Keran, Irene Rui, Rete Vicini di banco: Rom Sinti Gagè. Ingresso libero. Informazioni: tel. 0444 222580, direzioneservsociali@comune.vicenza.it

Oltre a questi quattro appuntamenti sono tanti altri gli eventi in programma che si terranno in differenti sedi, la gran parte ad ingresso libero, alcuni dei quali riservati alle scuole.

Tra di essi si segnalano:

Lunedì 20 gennaio alle 20.30 al Centro Gaja (via Noventa Vicentina 6), conferenza con dibattito ad ingresso libero “Il sonno della ragione genera mostri. Dalla persecuzione alla resistenza” a cui interverranno Mattia Stella, presidente dell’associazione 15 giugno ArciGay Vicenza, Irene Rui, ricercatrice, scrittrice sociale e delle realtà vissute dei sinti, e Agata Keran, esperta di arti visive e performative. Informazioni: info@arcigayvicenza.it

Mercoledì 22 gennaio dalle 11 alle 13 nell’aula magna del liceo “G. B. Quadri” (via Carducci 17) si terrà l’incontro con lo storico M. Battini dell’Università di Pisa “Peccati di memoria. La mancata Norimberga italiana”, a cura del liceo Quadri in collaborazione con ANPI-AVL Vicenza e Comune di Vicenza. Ingresso libero (per le classi è necessaria la prenotazione) Informazioni: 0444928877, carlaponcina@alice.it, pilastro@alicequadri.it

Giovedì 23 gennaio dalle 13.40 alle 16 nell’aula magna Liceo “G. B. Quadri” (via Carducci 17) verrà proiettato il film “Vogliamo vivere” di E. Lubitsch con la presentazione della professoressa Mary Pilastro. Ingresso libero. Informazioni: 0444 928877, pilastro@liceoquadri.it.

Venerdì 24 gennaio dalle 10.30 alle 11.30 alla scuola Primaria “G.B. Tiepolo”  (via Palemone 14) gli alunni incontreranno Lorenza Farina autrice di “Il volo di Sara” (Edizioni Fatatrac) e “La bambina del treno” (Edizioni Paoline). A cura dell’Istituto Comprensivo Vicenza 4 “A. Barolini”. Informazioni: 0444 500094.

Alle 17.30 nel salone piano nobile della Biblioteca Internazionale “La Vigna” e nella  Casa Gallo-Scarpa-Zaccaria (contrà Porta S. Croce 3), verrà inaugurata la mostra  personale di pittura di Pierantonio Bevilacqua “ 27X01X14” (aperta fino all’8 febbraio 2014 da martedì a domenica dalle 16 alle 19, giovedì anche dalle 10 alle 17.30, accompagnata dall’intervento musicale dell’Ensemble di fiati del Conservatorio di musica “A. Pedrollo” di Vicenza e con l’intervento critico di Marica Rossi. Informazioni: 0444 543000.

Sabato 25 gennaio alle 17 il liceo P. Lioy ospiterà l’incontro con l’artista Giuseppe Torregrossa che presenterà “Un uomo qualunque”, racconto civile sulla vita di A. Eichmann, a cura del Liceo Lioy con Antonio Montepaone, Giuseppe Torregrossa. Ingresso libero. Informazioni: turris@liceolioy.it.

Alle 11 sono in programma una serie di eventi in stazione ferroviaria e alle 16 al Museo del Risorgimento e della Resistenza (già descritti).

Domenica 26 gennaio alle 11 a palazzo Chiericati si terrà il concerto “La memoria” con il quartetto A.g.a.ta., a cura dell’Officina dei Talenti. Ingresso a pagamento (gratuito per under 21). Informazioni: viverelavilla@libero.it

Alle 17 al Teatro Spazio Bixio si potrà assistere a “Un Eroe Silenzioso”, lettura scenica di Aristide Genovese e accompagnamento musicale di Andrea Marcolini (violoncello) per ricordare Elio Gallina, notaio trevigiano, che nel 2007 ha ottenuto il riconoscimento di “Giusto tra le Nazioni” per aver aiutato molti ebrei perseguitati, ospitandoli nella sua casa e facendo loro ottenere visti e documenti per l’espatrio. Lo spettacolo di Theama Teatro prevede un ingresso unico a 5 euro Informazioni: 0444 322525, info@theama.it.

La giornata di lunedì 27 gennaio si aprirà nell’aula magna dell’Istituto Comprensivo 8 (via Carta 3) dove dalle 8 alle 9 gli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado “Carta” potranno assistere alla proiezione “La Shoah in Italia”, a cura del professore Giuliano Filadelfo. Informazioni: segreteriaviacarta@ic8.scuolevicenza.it

Dalle 8.30 alle 10.30 alla scuola primaria “G.B. Tiepolo” (via Palemone 14) gli alunni parteciperanno all’evento “Otto. Autobiografia di un orsacchiotto (Edizioni Mondadori) di Tomi Ungerer, a cura dell’Istituto Comprensivo Vicenza 4 “A. Barolini”. Informazioni: 0444 500094

Dalle 8.30 alle 13 nell’Aula Magna Liceo “G. B. Quadri” (via Carducci 17) verrà proposto un “Percorso di riflessioni, letture, testimonianze, ascolto di musiche e visione di immagini” proposte dalle classi quarte. L’ingresso è libero: per le classi è necessaria la prenotazione. Informazioni: tel. 0444 928877, pilastro@liceoquadri.it

Nel pomeriggio alle 17 si terrà la conferenza “Il valore della memoria” alla biblioteca internazionale “La Vigna”, alle 18.30 la fiaccolata da piazza San Lorenzo a piazza dei Signori (già descritti).

Martedì 28 gennaio dalle 10.30 alle 12 e dalle 14 alle 15.30 alla scuola Primaria “G.B. Tiepolo” (via Palemone 14) verrà riproposto “Otto. Autobiografia di un orsacchiotto” (Edizioni Mondadori) di Tomi Ungerer, iniziativa riservata agli alunni della scuola, a cura dell’Istituto Comprensivo Vicenza 4 “A. Barolini”. Informazioni: tel. 0444 500094.

Dalle 11 alle 13 nell’aula magna del Liceo Quadri (via Carducci 17, ingresso libero; per le classi è necessaria la prenotazione) e alle 18.30 all’Areopago del Centro Culturale San Paolo (aperto al pubblico, viale Ferrarin, 30) si terrà l’incontro con l’autore e storico Carlo Greppi “L’ultimo treno. Racconti del viaggio verso il lager” (Donzelli 2013). L’evento ad ingresso libero è a cura del Centro Culturale San Paolo e Liceo Quadri. Informazioni: 0444 937499, centroculturale.vicenza@stpauls.it.

Alle 20.30 nell’aula magna del Liceo Quadri (via Carducci 17) si potranno ascoltare “Riflessioni sulla memoria della Shoah”, percorso di riflessioni, letture, testimonianze, ascolto di musiche e visione di immagini proposte dalle classi quarte. Ingresso libero. Informazioni: tel. 0444 928877 – pilastro@liceoquadri.it

Mercoledì 29 gennaio dalle 10.30 alle 12 e dalle 14 alle 15.30 alla scuola Primaria “G.B. Tiepolo”  (via Palemone 14) gli alunni potranno partecipare alla presentazione dei libri “Rosa Bianca” (Edizioni La Margherita) di R. Innocenti e “La domanda su Mozart” (Edizioni Rizzoli) di M. Morpurgo, a cura dell’Istituto Comprensivo Vicenza 4 “A. Barolini”. Informazioni: 0444 500094.

Alle 17.30 alla Biblioteca Internazionale “La Vigna” (salone piano nobile, contrà Porta S. Croce 3) verrà presentato il libro “La bambina del treno”(Paoline Editoriale Libri) alla presenza dell’autrice Lorenza Farina e della illustratrice Manuela Simoncelli. Introdurrà l’incontro il professore Mario Bagnara. Informazioni: 0444 543000.

Giovedì 30 gennaio dalle 10 alle 12.30 e dalle 14 alle 15.30 alla scuola Primaria “G.B. Tiepolo” (via Palemone 14) gli alunni assisteranno alla presentazione del libro “Storia di Vera” (Edizioni San Paolo) di G. Clima, a cura dell’Istituto Comprensivo Vicenza 4 “A. Barolini”. Informazioni: tel. 0444 500094.

Venerdì 31 gennaio alle 20.30 nella chiesa di S. Croce Bigolina (strada del Tormeno 35) il gruppo La Farandola e gli alunni e Coro dell’istituto musicale della scuola secondaria di primo grado “Vincenzo Scamozzi” si esibiranno in uno spettacolo di danze, musiche, letture dal titolo “Hai mutato il mio lamento in danza”. Ingresso libero. Informazioni: Gabriella Andrighetto 3391917939, zanini_andrighetto@alice.it

La rassegna culturale si chiuderà sabato 8 febbraio alle 17.30 alla Biblioteca Internazionale “La Vigna” (contrà Porta S. Croce 3) dove gli allievi del Conservatorio di musica di Vicenza “Arrigo Pedrollo” proporranno un intervento musicale a conclusione della mostra di Pierantonio Bevilacqua “27X01X14”. L’appuntamento è curato dalla Biblioteca Internazionale “La Vigna”. Informazioni: 0444 543000.

 

2 Commenti

  1. Nella fotografia si vede il risultato di un bombardamento. Le Boelcke-Kaserne (baracche Boelcke) a sud-est della città di Nordhaushen, bombardate fra il 3 e il 4 aprile 1945 dall’aviazione britannica causando la morte di 1300 prigionieri. Le baracche costituivano un sottocampo del campo di Mittelbau-Dora.

    • (ecco il seguito, da Wikipedia):

      …Vi venivano reclusi i moribondi del campo e a partire dal gennaio del 1945 il loro numero crebbe da qualche centinaio a oltre seimila, con una mortalità che arrivava a cento persone al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *