sabato , 16 Ottobre 2021
L'ex ospedale Boldrini di Thiene

Ex Ospedale di Thiene nuova sede dei servizi della Ulss Alto Vicentino

L’ex ospedale Boldrini di Thiene diverrà un Centro sanitario polifunzionale, nel quale la Ulss 4 Alto Vicentino trasferirà la propria sede, legale ed amministrativa dalla attuale collocazione, in Via Rasa, e concentrerà i servizi erogati sul territorio comunale. Un scelta più che condivisibile dato che la struttura, dopo l’entrata in funzione dell’nuovo Ospedale unico dell’Alto Vicentino, a Santorso, rimaneva ampiamente sottoutilizzata. La stessa cosa dovrebbe avvenire per il De Lellis di Schio, anch’esso rimasto in stato di sottoutilizzo dopo l’apertura del nuovo ospedale comprensoriale. Ma rimaniamo a Thiene per ora, dove per altro rimane anche la sede centrale della Ulss 4. Il progetto è stato presentato quest’oggi alla stampa dal Direttore Generale della Ulss 4, Daniela Carraro. Con lei anche il sindaco di Thiene, Giovanni Casarotto.

Il direttore generale della Ulss 4 Daniela Carraro
Il direttore generale della Ulss 4
Daniela Carraro

Il progetto prevede il trasferimento dei primi uffici, se tutto va bene e se si fa presto, intorno al mese di maggio del prossimo anno, ed entro l’anno tutto potrebbe essere pronto, salvo imprevisti. Evidente la soddisfazione da parte dei vertici della Ulss, che in poco tempo hanno pensato e pianificato un riutilizzo razionale dell’ex Boldrini, per altro facendo tutto questo senza prevedere alti costi economici. Quanto al sindaco Casarotto, certo, soddisfazione anche da parte sua, ma  non ha mancato però di ricordare come i tempi della Pubblica amministrazione, quando si deve progettare ed appaltare un lavoro, siano spesso “problematici” e quanto sia difficile rispettare scadenze troppo ravvicinate, specialmente se non c’è un dialogo poi così stretto tra due enti. Ce la faranno davvero comunque, ci si è in effetti chiesto un po’ tutti, a rispettare la tabella di marcia di cui abbiamo parlato sopra?

“Ho preso l’incarico di guidare questa Ulss – ha sottolineato Daniela Carraro – da meno di un anno, abbiamo un organico dirigenziale sottodimensionato, tuttavia riteniamo di aver ben lavorato e già ben programmato la logistica e l’allestimento delle varie stanze dell’ex ospedale, come sfruttare insomma gli spazi al meglio senza doverci poi ritornare sopra con nuovi lavori e adattamenti. Questo vuol dire risparmio futuro, che si aggiunge ad un risparmio immediato visto che non prevediamo grossi interventi essendo il Boldrini in ottimo stato, con manutenzioni che sono state fatte regolarmente”.

Il sindaco di Thiene Giovanni Casarotto
Il sindaco di Thiene Giovanni Casarotto

Insomma, al di la di qualche dubbio legittimo, forse anche al di là di una sorta di fisiologica, anche se non opportuna, scarsa sinergia tra le varie amministrazioni pubbliche, l’ex Ospedale di Thiene, classificato come “Centro Sanitario Polifunzionale” (lo stesso è per l’ex Ospedale di Schio) erogherà in futuro molti servizi. Sarà, come  dicevamo, sede legale ed amministrativa di tutta la Ulss 4 Alto Vicentino, e poi avrà il Punto prelievi, quello immunotrasfusionale, vi troveranno posto le cure primarie e vari poliambulatori, erogherà i vari servizi diagnostici, dalla radiologia alla riabilitazione, alla fisiochinesiterapia etc., fino alla psicologia e ai servizi sociali.  Del resto gli spazi non mancano, visto che parliamo di un complesso di 31 mila metri quadrato, dei quali utilizzati adesso solo la metà. Vi troveranno posto più di centicinquanta uffici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità