Amici animali

CANpodanno, un’idea diversa ed amica dei cani nella notte dei botti

C’è chi si affanna per il cenone di fine anno e chi cerca di raggiungere luoghi isolati e più “meditativi”. C’è chi, stante la crisi, non ha grandi risorse da destinare ai festeggiamenti e chi invece si vuole concedere comunque un regalo perché, in fondo, è giusto così. Sono molti i modi di trascorrere l’ultima notte del 2013, ma vi siete mai chiesti quali problemi abbia chi vive vicino ad un cane, o magari anche a più di uno? Come organizzarsi, come attrezzarsi? Una nuova ed originale proposta arriva proprio da Vicenza e c’è da credere che possa fare scuola. Da Vicenza infatti parte l’idea del primo CANpodanno d’Italia, quello che prevede una festa dedicata a cani e padroni che si terrà nel bellissimo scenario naturale dell’Oasi Rossi di Santorso la notte di San Silvestro. Infatti, chi ha un cane lo sa: il 31 dicembre è una data critica a causa dei botti, dei petardi, delle feste e degli schiamazzi fino alle ore piccole.

Ciò che per le persone è sinonimo di divertimento ed allegria, per i nostri amici a quattro zampe può essere pauroso e stressante. Per questo i padroni più responsabili rinunciano a festeggiare l’arrivo del nuovo anno per non lasciare da soli i propri cani. Ma quest’anno non sarà più necessario perché il CANpodanno assicurerà divertimento a tutti e garantirà anche rispetto ed educazione alla convivenza, sempre più auspicabile tra uomo e animale. Per cui no ai botti, no alla musica assordante ed al caos che potrebbero portare disagio ai cani (e anche alle persone).

“Anche se il periodo dell’anno è quello delle festività, – spiega Anna Casasola, responsabile dell’iniziativa assieme a Marta Dalle Carbonare – la nostra non sarà solo una festa, per quanto diversa ed originale, ma anche un’iniziativa benefica. In collaborazione con l’associazione culturale CityMugs di Malo, abbiamo pensato di affiancarci ad alcuni progetti di solidarietà, ai quali andrà parte del ricavato della serata. Innanzitutto, pensando all’ambito locale, abbiamo scelto l’Oasi Rossi, oltre che per i bellissimi spazi, anche perché è gestita dall’associazione Nuovi Orizzonti che proprio a Santorso e nell’Alto Vicentino si dedica alle persone con disagi psichiatrici o con disabilità e si occupa del loro inserimento nel mondo del lavoro”.

Il catering ed il servizio al tavolo saranno gestiti dalla stessa associazione Nuovi Orizzonti. Locale sarà anche l’ambito di beneficenza per gli animali: CityMugs devolverà parte del ricavato all’Enpa di Schio e Thiene per l’acquisto di beni di prima necessità per i cani in canile o per i randagi. Missionland sarà il terzo beneficiario associato al CANpodanno: in questo caso il ricavato andrà ai progetti di depurazione delle acque nei paesi in via di sviluppo.

E non è tutto, perché c’è anche un riconoscimento istituzionale: il CANpodanno ha infatti ottenuto il patrocinio dell’amministrazione Provinciale di Vicenza. La motivazione è legata all’aspetto benefico dell’evento che, con il ricavato della serata, contribuirà al finanziamento dei progetti solidali già citati. “L’idea – aggiunge Casasola – è nata per diventare una filosofia che guarda oltre la realtà locale e può essere replicata ovunque. L’organizzazione fornirà tutte le linee guida per realizzare l’evento in ogni città d’Italia”. Per informazioni e iscrizioni: 347 6491384.

Alessandro Scandale

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button