Breaking News

Vicenza si confronta con l’Europa su bellezza e benessere

Si sta svolgendo a Vicenza in questi giorni (dal 24 al 26 novembre) il primo di una serie di convegni che toccheranno anche varie città europee e che saranno dedicati al mercato del così detto “ben-essere”, servizi alla persona insomma, benessere e bellezza. Riguarda soprattutto acconciatori ed estetisti. Gli altri incontri si terranno a Gent (Belgio), Frankfurt (Germania), Zagreb (Croazia), Krsko (Slovenia), La Valletta (Malta) e Mersin (Turchia). Tutto questo grazie a Confertigianato Vicenza che ha partecipato al bando 2013 del Programma Leonardo europeo, voluta dall’UE per favorire lo scambio di conoscenze tra professionisti di diverse nazionalità.

Il progetto promosso da Confartigianato Vicenza, denominato Bobs (Building Opportunities in Beauty Sector) è risultato tra i primi assegnatari del contributo europeo passando una dura selezione, con soli 70 progetti approvati su 550 proposti in Italia.  Fino al luglio 2015 dunque, gli operatori vicentini del settore potranno partecipare agli incontri di scambio e conoscenza con i loro colleghi europei. Si stima che in totale verranno coinvolte circa 25mila imprese del settore.

“Confartigianato Vicenza è l’ente capofila del progetto – ha commentato Valter Casarotto, membro della Giunta di Confartigianato Vicenza con deleghe alla formazione e al lavoro – e lo riteniamo un merito acquisito sul campo grazie alle numerose missioni, già avviate nel recente passato, per favorire il confronto con i colleghi di altre nazioni. I temi di discussione imposti dal progetto mirano a trovare soluzioni a livello europeo: anzitutto la comprensione dei mutamenti sociodemografici in atto in Europa e, di conseguenza, capire come cambiano i profili della clientela nei saloni di bellezza . Le proiezioni al 2025, infatti, dicono che il 65% della popolazione europea sarà ultrasessantacinquenne, mentre il resto sarà giovane e proveniente da Paesi extra europei. Ne consegue che i clienti avranno esigenze ben diverse legate alle caratteristiche etniche, di età, di cultura e tradizione, che gli operatori del settore non possono trascurare”.

Tra i temi di particolare interesse proposti nei convegni, quello dei requisiti igienico-sanitari richiesti per le attività di cura alla persona, e quindi le garanzie da offrire a chi si sottopone a trattamenti di bellezza nei saloni. Inoltre, particolare attenzione verrà riservata al tema della formazione dei lavoratori, e quindi al passaggio di competenze da passare ai giovani che si avviano all’attività.

“Sono argomenti fondamentali – hanno spiegato Valeria Sylvia Ferron e Renata Scanagatta, presidenti provinciali vicentine delle Estetiste e degli Acconciatori – su cui non vediamo l’ora di confrontarci, proprio per portare a casa risultati comuni e motivi di crescita che potremo riversare nel nostro territorio, a beneficio dei colleghi. Contando poi sul fatto che le eccellenze che riscontreremo al di fuori dei nostri confini possano essere oggetto di una azione che punti alla revisione delle normative italiane o regionali, a volte inappropriate rispetto ai problemi che viviamo tutti i giorni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *