Raffica di incidenti e code per neve e ghiaccio

Una leggera nevicata, molto ghiaccio sulle strade, il freddo intenso che non accenna a diminuire. E’ stato questo il risveglio oggi per tutti noi, dopo che l’arrivo della neve e un inasprirsi delle condizioni meteo era stato già ampiamente annunciato. E le probabilità di altre nevicate anche più intense sono forti per le prossime ore.

La mattinata è stata soprattutto segnata dagli incidenti stradali, basti pensare che i vigili del fuoco sono stati chiamati ad intervenire per questo ben 36 volte in Veneto, solo questa mattina dalle 6 alle 11. In uno di questi incidenti ha anche perso la vita un uomo di 58 anni. E’ successo a Camposampiero, per l’uscita di strada dell’auto dello sfortunato automobilista a causa del ghiaccio.

Forti disagi ci sono stati anche sull’autostrada A4, nel tratto fra Vicenza Ovest e Montebello, dove si sono formati otto chilometri di coda per un incidente che ha coinvolto un autoarticolato. La situazione comunque è generalizzata, con strade ghiacciate, rallentamenti, tamponamenti e piccoli sinistri a rendere tutto più difficile. Ed in tutti i comuni del vicentino, naturalmente, sono state prese le dovute contromisure ed attivati i piani neve.

Così, innanzitutto, a Vicenza, dove i mezzi di Aim e la polizia locale sono stati impegnati, fin dalle prime ore del mattino, a spargere sale sulle strade ed a gestire gli incolonnamenti lungo le principali vie di accesso alla città, leggermente imbiancata dalla neve. Alle 9 erano operativi a Vicenza nove mezzi spargisale, purtroppo rallentati dai micro incidenti che hanno creato imbottigliamenti e code.

L’attività di salatura da parte di Aim Ambiente continuerà per tutta la giornata. La polizia locale, attiva sul territorio fin dal primo mattino con nove pattuglie, gestisce invece la circolazione nei punti più critici e lungo le principali vie di accesso alla città. Molte anche le persone che si sono presentate al pronto soccorso dell’ospedale San Bartolo dopo essere cadute scivolando sul ghiaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *