Breaking News

Vicenza, arriva il premio Dedalo Minosse cinema

Dall’8 all’11 giugno, il cortile del Palladio Museum di Vicenza ospiterà la prima edizione del premio Dedalo Minosse Cinema, manifestazione proposta da Ala, Assorchitetti, e dall’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Vicenza. L’evento si concentra sulla produzione italiana più recente, vale a dire su quindici film del triennio 2014/2016. Durante le quattro serate in programma, si alterneranno sul palco, in veste di giurati e di ospiti del concorso, studiosi, registi, scrittori, critici, sceneggiatori, giornalisti e architetti.

Per quanto riguarda la struttura dell’evento, nel corso della prima serata il “Black Carpet”, di mercoledì 8 giugno, la giuria guidata da Steve Della Casa, conduttore di Hollywood Party su Rai 3, presenterà i film in concorso e i vincitori. Nelle serate successive il pubblico potrà assistere alla premiazione dei film e alla loro proiezione.

Il 9 giugno, infatti, ci saranno la proiezione e premiazione del film “Ricomincio da Ottanta”, di Alex Infascelli, vincitore del premio “Morseletto”, Dedalo Minosse Cinema come miglior soggetto. Il 10 verrà proiettata la pellicola “Seconda primavera”, di Francesco Calogero, e Claudio Botosso riceverà il premio “Fontanot”, Dedalo Minosse Cinema come miglior protagonista. Infine, sabato 11, i presenti potranno assistere alla proiezione di  “Scusate se esisto!”, opera di Riccardo Dilani, che riceverà il premio Dedalo Minosse Cinema come miglior film. Le schede dei film vincitori e i trailer sono disponibili a questo indirizzo.

“Il rapporto – spiega una nota di presentazione della manifestazione – tra la prima e la settima arte, architettura e cinema, letto attraverso i film che hanno come protagonisti un architetto, diventa un’occasione per far incontrare i protagonisti di due mondi così vicini e, allo stesso tempo, così lontani. Sono migliaia le pellicole che hanno descritto negli ultimi 120 anni la sua professione, così come sono molti gli attori, registi, scenografi, direttori delle luci e della fotografia che hanno lavorato e lavorano nel cinema essendosi formati alle scuole di architettura”.

Durante le giornate del Premio, l’Ordine degli architetti organizza “Architetti al cinema”, dialoghi sulla figura dell’architetto nel cinema e nella vita reale con i protagonisti, gli organizzatori, la giuria, gli esperti. Sono previsti crediti formativi professionali per gli architetti. Data la capienza limitata, si accettano conferme in ordine di arrivo fino ad esaurimento dei posti. Per iscrizioni si può consultare questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *