Valdagno, più controlli sulle auto con “Targa system”

È stato presentato questa mattina, a Palazzo Festari, Valdagno, il nuovo sistema di video sorveglianza “Targa System”, attivo nel territorio gestito dal consorzio di polizia locale Valle Agno. I comuni di Recoaro Terme, Valdagno, Cornedo Vicentino e Castelgomberto possono quindi contare su sette nuovi occhi elettronici che controllando i mezzi in entrata e in uscita, sono in grado di individuare eventuali irregolarità per quanto riguarda assicurazione e revisione, oltre a segnalare la presenza di auto rubate.

Questo sistema di rilevamento targhe che controllerà i principali accessi alla vallata si configura come un supporto alle pattuglie di agenti in servizio, ma potrà anche fornire informazioni utili in caso di incidenti. L’investimento per l’intera operazione è stato di 85 mila euro, a fronte di un contributo riconosciuto dalla Regione Veneto pari a 30 mila euro.

“Dalle prime rilevazioni effettuate – spiega una nota diramata in proposito -, si conta ogni giorno una media di 30 mila mezzi che entrano nell’area consortile. Di questi circa l’1,5% presenta irregolarità dovute al mancato rinnovo del tagliando assicurativo o alla mancata revisione. Per il momento, invece, non sono stati registrati casi veicoli rubati”.

La posizione delle sette telecamere, collegate con la centrale operativa del comando di polizia locale e con la stazione dei carabinieri di Valdagno, è stata oggetto di un accurato studio, per coprire tutti i principali varchi di accesso alla valle, dal Passo Zovo al traforo Schio-Valdagno, fino al valico di Priabona e alla Destra Agno.

“Per realizzare l’infrastruttura, indispensabile al corretto funzionamento del sistema è stato necessario posizionare diversi ponti radio sul territorio e posare specifici collegamenti in fibra ottica, lavori che hanno reso possibile connettere al comando valdagnese anche le telecamere presenti nei comuni di Cornedo Vicentino e di Castelgomberto, che così vanno ad aggiungersi a quelle di Valdagno per un totale di 90 postazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *