Breaking News

Amore e morte nell’ultimo romanzo di Luca Valente

Una farfalla sbatte le ali a Schio, tra gli echi dei cannoni della Grande Guerra. Trentasei anni dopo una donna, nello stesso luogo, compra un fiore per il primo amore della sua vita. Nel frattempo, è capitato di tutto e il suo contrario. I timidi atti eroici e le sconfinate miserie degli uomini, la carneficina di un’epoca buia e la bellezza nascosta in un baule, l’inciampo nell’innocenza e il balzo nell’abominio del potere. Sulla scena, piccole e grandi esistenze si intrecciano a coincidenze che non sono mai tali, mentre il testimone passa da una generazione all’altra. Ma cosa resta in eredità, alla fine di tutto, alla famiglia Barbero? C’è il coraggio di essere vigliacchi, per salvare se stessi o un’idea. C’è la seduzione del male, che dissolve la pietà come un perfido prestigiatore. Ci sono segreti che valgono qualsiasi prezzo e legami che meritano ancora di più. Ci sono gli occhi grandi della Storia e il lupo ad attenderli nel bosco. Intanto un’altra farfalla, sullo stesso filo d’erba, sbatte le ali in un posto migliore.

C’è tutto questo e anche di più nel nuovo romanzo dello scledense Luca Valente “Un posto migliore” (Panda edizioni), condensato in una lunga e intrigante storia che si snoda dalle valli del Vicentino alle Langhe piemontesi, da Roma a Vienna, dalle montagne della Val d’Aosta a quelle dell’Alto Adige, dalle sponde del lago di Garda al fronte greco-albanese. Una tragica storia di amore e di morte che attraversa gli avvenimenti più drammatici del Novecento.

“Ho voluto narrare una struggente storia di amore e di morte – spiega l’autore – . Se nella recente raccolta di racconti Storie di eterni ritorni avevo sondato terreni letterari più intimi, dal taglio esistenzialista, con questo nuovo romanzo, pur mantenendone l’essenza – sincronicità, incontri e legami speciali, giochi del destino – torno a una vicenda corale di ampio respiro, inscritta in un contesto storico ben delineato, dai toni drammatici e solenni e dall’intreccio composito: il gruppo di personaggi principali, una decina, è accompagnato dall’inizio alla fine da una corposa serie di figure di contorno, personaggi storici e non. La danza di protagonisti e comprimari non conosce pause: i fatti incalzano e le storie personali si mescolano con le piccole e grandi vicende del secolo scorso, gli amori alla guerra, i riscatti personali con importanti segreti militari. La trama prende spunto da una vicenda realmente accaduta, che mi aveva colpito profondamente, una decina d’anni fa, quando ne ero venuto a conoscenza. Ci tenevo particolarmente che fosse pubblicata e arrivasse al pubblico, seppure romanzata, per le emozioni che suscita e le riflessioni che induce”.

Un’opera a sfondo storico ispirata a vicende realmente accadute, che intreccia elementi di spionaggio con due storie d’amore e un pizzico di trascendente. La storia si svolge nella prima metà del secolo scorso, dalla fine della prima guerra mondiale al secondo dopoguerra. I personaggi principali sono i componenti di una famiglia le cui vicissitudini scorrono parallelamente ai grandi eventi del secolo scorso, intrecciandosi con le vite di figure storiche di rilievo e con una serie di vicende misteriose. Il protagonista è un ufficiale degli alpini legato da personale amicizia alla principessa Maria José di Savoia e che si trova coinvolto, con la moglie e le giovani figlie, in una pericolosa spy-story nel momento in cui ospita nella propria abitazione di Merano due enigmatici funzionari dell’ambasciata giapponese. La vicenda ha esiti complessi e drammatici: l’esistenza di “un posto migliore”, lontano dalla infelice realtà terrena che stanno personalmente sperimentando, è ciò che auspicano alcuni protagonisti del romanzo nei frangenti più dolorosi della narrazione.

Luca Valente si è dedicato per molti anni al giornalismo e alla ricerca storica, prima di accostarsi alla narrativa. È autore di numerose monografie sulla seconda guerra mondiale, del romanzo Indagine 40814 (2011) e della raccolta di racconti Storie di eterni ritorni (2013).

Alessandro Scandale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *